Ingegneri informatici, a Brescia non ne si trova uno a pagarlo “oro”

"Stiamo pensando di andare a cercarli in Romania o in Albania". A dirlo è stato oggi Ivan Losio di Sei Consulting

0
Ivan Losio, Sei Consulting

Ingegneri informatici? A Brescia non ne si trova uno nemmeno a pagarlo “oro”. Ad evidenziarlo è stato oggi Ivan Losio di Sei Consulting, a margine della conferenza stampa in cui ha presentato il nuovo bando che premia le esperienze lavorative degli Under35.

“Ne abbiamo cercati all’università di Brescia, ma anche in molti altri atenei: in un anno e mezzo non siamo riusciti a trovarne uno da assumere”, ha spiegato Losio. Che ha sottolineato come a Sei Consulting servano due professionalità di questo tipo, a cui se ne potrebbero sommare altre quattro – nei prossimi mesi – per Sfida 4.0.

Ma a quanto parte – a Brescia – gli ingegneri informatici sono molto richiesti e i più sono prenotati dalle aziende ancora prima della laurea. Da qui l’idea di provare a guardare ad altre zone d’Italia, in particolare al Sud, contattando centinaia di neolaureati dalla Campania alla Calabria. “Siamo riusciti ad avere colloqui soltanto con un paio di candidati”, ha sottolineato Losio, “vedremo se rispondono alle nostre esigenze”.

L’offerta, per i neulaureati, è un contratto di apprendistato che parte da 1.150 euro netti al mese per 14 mensilità (ovviamente la cifra è destinata a crescere nel tempo), con un aiuto per le spese di alloggio in caso di candidati che provengano da altre regioni.

“Gli ingegneri informatici ci servono entro fine anno”, ha concluso Losio, “se non li troviamo saremo costretti a cercarli altrove, magari nelle università di Romania o Albania”.

 

 

 

Comments

comments

LEAVE A REPLY