Digitalizzazione: arriva il contrassegno elettronico

Sebbene molto in ritardo, i passi in avanti verso la digitalizzazione e quindi l’abbandono progressivo della carta, con conseguente velocizzazione delle procedure amministrative sta progredendo, ma ovviamente richiede varie e complesse fasi

0
Digitalizzazione
Digitalizzazione

Come molti di noi sanno, l’Italia è un paese meraviglioso ma quando si parla di evoluzione, nuove tecnologie e digitalizzazione siamo consapevoli di essere molto lontani dallo standard di quasi tutti gli altri paesi europei.

Sebbene molto in ritardo, i passi in avanti verso la digitalizzazione e quindi l’abbandono progressivo della carta, con conseguente velocizzazione delle procedure amministrative sta progredendo, ma ovviamente richiede varie e complesse fasi. Il processo di conservazione digitale consentirà di conservare i documenti consentendo non solo un risparmio di spazio dovuto all’abbandono del digitale ma soprattutto la facile reperibilità degli stessi. Vi sono numero se aziende che si occupano di gestire il processo di conservazione digitale, una di queste è Bucap. La fase intermedia prevede la coesistenza sia del documento cartaceo che del documento digitale per il corretto funzionamento della pubblica amministrazione.  In quest’ottica s’inserisce l’introduzione, a partire dallo scorso 10 Agosto, del contrassegno Elettronico. Per contrassegno elettronico deve intendersi una sequenza di bit codificata con una tecnica grafica idonea a contenere e rappresentare i dati identificativi di un documento amministrativo informatico, oppure il documento amministrativo informatico stesso, originale o duplicato, o suoi estratti. Tale contrassegno viene generato elettronicamente e apposto in formato stampa accanto alla copia analogica del documento amministrativo per consentire la verifica della sua provenienza e la sua conformità all’originale. In parole spicce attraverso il contrassegno elettronico sarà possibile associare ad ogni documento cartaceo il suo corrisponde elettronico per poter verificare, almeno all’inizio in questa prima fase transitoria, che i due documenti siano corrispondenti e non vi siano errori. Ma quali sono gli effettivi utilizzi del contrassegno elettronico?

Il tutto dipenderà strettamente dall’ambito in cui esso viene utilizzato anche se l’Agenzia per l’Italia in Digitale identifica specificatamente 3 ambiti:

  • Contrassegno generato elettronicamente contenente i dati identificativi del documento amministrativo informatico originale;
  • Contrassegno generato elettronicamente contenente estratto,copia,duplicato del documento amministrativo informatico originale conservato presso l’amministrazione;
  • Contrassegno generato elettronicamente contenente il documento amministrativo informatico originale non conservato presso l’amministrazione

Un processo necessario per effettuare quel grande passo verso la digitalizzazione che si spera migliori la nostra burocrazia.

 

 

 

Comments

comments

LEAVE A REPLY