Centrale del latte, Loggia al lavoro perché resti pubblica

Sono giorni e ore importanti per il futuro della Centrale del latte che - pur essendo da anni in attivo - rischia la privatizzazione forzata a causa della cosiddetta Legge Madia

0
Franco Dusina, Emilio Del Bono e Andrea Battolozzi alla conferenza di presentazione del bilancio 2016 della Centrale del latte, foto Andrea Tortelli, www.bsnews.it
Franco Dusina, Emilio Del Bono e Andrea Battolozzi alla conferenza di presentazione del bilancio 2016 della Centrale del latte, foto Andrea Tortelli, www.bsnews.it

Sono giorni e ore importanti per il futuro della Centrale del latte che – pur essendo da anni in attivo – rischia la privatizzazione forzata a causa della cosiddetta Legge Madia. La normativa, infatti, punta a fare ordine nel settore delle società controllate dai Comuni: oltre 8mila società, in gran parte con passivi storicizzati, con un numero molto maggiore di consiglieri di amministrazione retribuiti a guidarle. La Madia impone alle amministrazioni locali di privatizzare le società che non svolgono “servizi pubblici, opere pubbliche sulla base di un accordo di programma, servizi pubblici o opere pubbliche in partenariato pubblico/privato, servizi strumentali, servizi di committenza, valorizzazione del patrimonio immobiliare dell’amministrazione”.

La Centrale, guidata da Franco Dusina, ovviamente non rientra in queste classificazioni. Ma da anni è in utile e rappresenta un patrimonio (economico e culturale) apprezzato dai bresciani, sia per la qualità dei prodotti, sia per l’attenzione ai fornitori, sia per i molti progetti in campo sociale e sportivo. Da qui la volontà – bipartisan – della politica di difenderne il carattere pubblico.

La Loggia ha già chiesto al governo che la Centrale venga esclusa dall’esproprio, incontrando a Roma il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Maria Elena Boschi. Due gli elementi che potrebbero “salvarla”: la forte azione nel campo dell’educazione alimentare e il fatto di insistere su una zona inquinata da Pcb.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome