Centrale del latte, Loggia al lavoro perché resti pubblica

Sono giorni e ore importanti per il futuro della Centrale del latte che - pur essendo da anni in attivo - rischia la privatizzazione forzata a causa della cosiddetta Legge Madia

0
Franco Dusina, Emilio Del Bono e Andrea Battolozzi alla conferenza di presentazione del bilancio 2016 della Centrale del latte, foto Andrea Tortelli, www.bsnews.it
Franco Dusina, Emilio Del Bono e Andrea Battolozzi alla conferenza di presentazione del bilancio 2016 della Centrale del latte, foto Andrea Tortelli, www.bsnews.it

Sono giorni e ore importanti per il futuro della Centrale del latte che – pur essendo da anni in attivo – rischia la privatizzazione forzata a causa della cosiddetta Legge Madia. La normativa, infatti, punta a fare ordine nel settore delle società controllate dai Comuni: oltre 8mila società, in gran parte con passivi storicizzati, con un numero molto maggiore di consiglieri di amministrazione retribuiti a guidarle. La Madia impone alle amministrazioni locali di privatizzare le società che non svolgono “servizi pubblici, opere pubbliche sulla base di un accordo di programma, servizi pubblici o opere pubbliche in partenariato pubblico/privato, servizi strumentali, servizi di committenza, valorizzazione del patrimonio immobiliare dell’amministrazione”.

La Centrale, guidata da Franco Dusina, ovviamente non rientra in queste classificazioni. Ma da anni è in utile e rappresenta un patrimonio (economico e culturale) apprezzato dai bresciani, sia per la qualità dei prodotti, sia per l’attenzione ai fornitori, sia per i molti progetti in campo sociale e sportivo. Da qui la volontà – bipartisan – della politica di difenderne il carattere pubblico.

La Loggia ha già chiesto al governo che la Centrale venga esclusa dall’esproprio, incontrando a Roma il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Maria Elena Boschi. Due gli elementi che potrebbero “salvarla”: la forte azione nel campo dell’educazione alimentare e il fatto di insistere su una zona inquinata da Pcb.

Comments

comments

LEAVE A REPLY