Millenium, alla Valsabbina la carica delle straniere

Savallese Millenium al completo per la presentazione nella sede operativa del nuovo sponsor, Dailey e Vilponen: «felici di essere qui, in Italia campionati di alto livello tecnico».

1
La presentazione delle nuove giocatrici della Millenium in Banca Valsabbina
La presentazione delle nuove giocatrici della Millenium in Banca Valsabbina

Alla presenza di Paolo Gesa, responsabile Divisione Business e di Ruggero Valli, responsabile Marketing and Communication Banca Valsabbina, la Savallese Millenium ha presentato ufficialmente i pezzi esteri del suo roster, con tutta la squadra, che quindi può dirsi al gran completo.

La prima parola va al Presidente Roberto Catania, che ha ringraziato gli sponsor presenti (Savallese Trasporti e New Sintesi) e ovviamente la Banca Valsabbina, che ha ospitato la conferenza stampa e ha dato due anni di fiducia alle Leonesse che disputeranno il campionato di A2 nel prestigioso PalaGeorge di Montichiari.

Gesa inizia il suo intervento di saluto con una piacevole indiscrezione: «Siamo in un location inusuale perché è la sala del consiglio di amministrazione, ed è una delle primissime volte che viene aperta per un evento esterno. Questo è metafora del fatto che ci vogliamo aprire perché siamo un istituto sano e in crescita. Stiamo puntando tanto sulle attività core business bancarie, ma anche su altri servizi complementari e ovviamente…sull’immagine».

A tal proposito è intervenuto poi Valli: «Solitamente concretizziamo sponsorizzazioni più scaglionate, ma con Millenium è stato diverso, il progetto è piaciuto molto e abbiamo optato per essere sponsor di maglia e per due anni. C’è entusiasmo e non vediamo l’ora di iniziare questo percorso insieme e di veder giocare le ragazze».

Lucrezia Catania, manager Millenium, ha presentato l’americana Cat Dailey e la finlandese Pauliina Vilponen.

Dailey è un attaccante di posto 4 classe 1988 di 188 cm. E’ stata capitano del Team Durham (UK), campione nazionale universitario 16-17 e campione nazionale della National Volleyball League Super 8s, dove è stata anche MVP delle finali. Il tutto mentre conseguiva una laurea in Business Management alla Durham University. Precedentemente ha fatto parte del team dell’università della California a Berkeley che raggiunse le finali NCAA prima, e di Yale poi, dove è stata eletta all’unanimità giocatrice dell’anno della Ivy, e nel miglior sestetto All-Ivy League.

La statunitense non nasconde la felicità di essere in Italia : «Sono molto contenta di essere a Brescia e mi sto trovando molto bene con il gruppo. Ho molti obiettivi di crescita, anche personali, per quest’anno su cui voglio lavorare. Essere in Italia è molto bello perché qui il livello della pallavolo è molto alto».

Dello stesso avviso Vilponen che si esprime in un fluente italiano: «è stato bello poter arrivare ed entrare subito in corsa, ho giocato l’amichevole praticamente con un solo allenamento alle spalle perché ho completato gli studi in legge in Finlandia per potermi poi dedicare interamente al volley, quindi so che posso fare molto di più. Il livello del campionato è molto alto, tecnicamente molto interessante. Non potevo chiedere di meglio, anche per il primo impatto che ho avuto del gruppo e della società. Personalmente voglio vincere e cercare di arrivare ad alto livello».

Nata nel 1992 a Nakkila, paese di circa 5.000 abitanti, a 225 chilometri dalla capitale Helsinki, Vilponen viene scoperta dalla squadra locale dell’Eura, e dopo una sola stagione si muove verso la città di Hämeenlinna militando nell’HPK per due anni. Poi il salto di qualità passando in Germania al Schwerin SC, dove partecipa alla Champions League; e nella stagione successiva vola al Wiesbaden, sempre in Bundesliga. Dal 2015 torna in patria al LP Viesti Salo per completare gli studi in legge, sfiorando anche un titolo nazionale. Dal 2010 è entrata a far parte del giro della nazionale maggiore finlandese dove ha giocato 43 partite.

Comments

comments

1 COMMENT

LEAVE A REPLY