Rinascimento Culturale: la Grande Storia protagonista a Erbusco

Ospite internazionale molto atteso è Gábor Klaniczay, professore di Storia Medievale all’Università di Budapest

0
Torna da metà a fine settembre il Festival Rinascimento Culturale - foto da ufficio stampa
Torna da metà a fine settembre il Festival Rinascimento Culturale - foto da ufficio stampa

Rinascimento Culturale racconta la Storia. E lo fa a Erbusco, punto nevralgico della provincia, dopo i precedenti incontri avvenuti in centro storico, al Museo Diocesano e all’Università Statale.

L’avvicinamento tra pensiero alto e cultura popolare auspicato dai registi della rassegna Alberto Albertini e Fabio Piovanelli trova in Erbusco uno scenario ideale, per parlare dell’attualità di figure storiche vissute secoli fa o di un’età dell’oro difficile da ripetere. È quest’ultimo il caso della conferenza di giovedì 21 settembre: il sipario si alza infatti sul tempo ricco di “prospettive” che fece brillare l’Italia, il Rinascimento. «Principi e Repubbliche nel primo Rinascimento» è il titolo della conferenza di Andrea Gamberini, professore dell’Università degli Studi di Milano, nonché consulente storico della fiction di successo trasmessa lo scorso autunno da Raiuno «I Medici», della quale è stato confermato il secondo capitolo. L’incontro con Gamberini si tiene alle 20.45 nella cornice di Villa Lechi, tra i luoghi simbolo della Franciacorta: un palazzo dal particolare stile architettonico, edificato verso la fine del XVI secolo dai Martinengo.

Ospite internazionale molto atteso è Gábor Klaniczay, professore di Storia Medievale all’Università di Budapest, assai legato all’idea politica e culturale di Europa e allievo di Jacques Le Goff. Autore di molteplici opere sulla religiosità e la santità, riceve proprio questo mese il Premio internazionale per la Storia, conferito a Mosca dall’International Committee of Historical Sciences, «per l’eccellenza dei suoi lavori». Nel bresciano è ospite venerdì 22 settembre, alle 20.45 nello scenario della Pieve di Erbusco, gioiello di architettura medievale, con una relazione intitolata «La Santità regale in Ungheria e in Europa nel Medioevo».

Se si parla dell’“età di mezzo”, non può mancare un noto volto televisivo che si occupa a tempo pieno di Storia, atteso sabato 23 settembre al teatro e domenica 24 alla chiesa di Erbusco, al consueto orario delle 20.45: lo scrittore e storico Alessandro Barbero. Le serate con il professore medievalista vogliono ripercorrere le orme del primo imperatore cristiano e di tanti pontefici che hanno lasciato il segno, con le proprie gesta o parole. L’incontro di sabato è dedicato a «Costantino il Vincitore»; domenica, invece, sono focalizzate «Le parole del Papa: da Gregorio VII a Francesco», excursus nelle pieghe dello stile comunicativo prescelto dai Papi.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome