Prestiti, un bresciano su cinque vuole soldi per ristrutturare casa

E' quanto emerge dai dati elaborati da Facile.it nel suo Osservatorio prestiti su un "campione" dichiarato di 41.865 preventivi di utenti residenti nella Provincia effettuati fra il giugno e l'agosto di quest'anno

0
Ristrutturare casa
Ristrutturare casa

Nell’estate che si è appena chiusa i bresciani hanno chiesto prestiti on line soprattutto per ristrutturare casa: ben uno su cinque. E’ quanto emerge dai dati elaborati da Facile.it nel suo Osservatorio prestiti su un “campione” dichiarato di 41.865 preventivi di utenti residenti nella Provincia effettuati fra il giugno e l’agosto di quest’anno.

Questa tipologia di finanziamento – stando ai dati disponibili – ha riguardato il 18,48 per cento dei bresciani. A seguire Liquidità e Consolidamento debiti con il 17,49 per cento. Mentre l’acquisto della casa ha riguardato solo il 5,43 per cento, la stessa percentuale di Arredamento e Auto nuove. Molto più alta, un po’ a sorpresa, la percentuale di richieste per Moto usate (6,52) e Auto usate (ben 15,22 per cento rispetto al totale). Staccate le altre voci: il 3,26 ha chiesto prestiti per spese mediche, il 2,16 per Matrimoni e Pc/Elettronica. Infine, solo l’1,09 ha fatto ricorso a un prestito per sostenere le spese dell’università.

Uno degli elementi più curiosi, comunque, è il fatto che – tra i valori pubblicati – vi siano molte percentuali identiche fino al decimale nonostante la grandezza del campione dichiarato e che i dati si discostino mediamente di pochissimo da quelli nazionali. Ma dai dati forniti da Facile non emergono altri elementi significativi utili a chiarire i criteri con viene definito il campione di analisi.

Per quanto rigarda invece l’entità dei prestiti richiesti, l’importo medio a Brescia nel trimestre giugno-agosto 2017 è stato di 14.593 euro, ma il 21,7 per cento supera i 25mila euro (nella quasi totalità si tratta di spese legate alla sistemazione o all’acquisto di un’abitazione). Ma la tendenza sempre più diffusa – a fronte di una riduzione del risparmio e di un incremento delle abitudini d’acquisto con modalità “a debito” – è quella di chiedere piccoli finanziamenti su Mrfinanza.com e altri siti web del settore. Non a caso, per un 7,6 per cento l’importo è inferiore ai 2.500 e per una percentuale simile rimane comunque al di sotto dei 5mila.

La durata media, invece, è  di 7 mesi. Anche su questro fronte, però, non mancano le curiosità. I prestiti con durata più lunga sono quelli per l’elettronica (telefoni smartphone in particolare), che arrivano fino a 138 mesi, seguiti da auto nuove (118 mesi), matrimoni e acquisto immobili (103). Per un’auto usata, mediamente, si chiude la pratica in 58 mesi. Soltanto 44 mesi, invece, la tempistica di rimborso per i finanziamenti per le spese mediche. Ma quest’ultimo dato dato, probabilmente, si spiega anche con l’età media di coloro che richiedono questo tipo di sostegno.

Per quanto riguarda l’età media dei richiedenti, Brescia si discosta dal resto dell’Italia in maniera significativa. Ed è l’unico caso significativo in tutti i parametri definiti dal sito. Il 38 per cento dei bresciani che chiedono prestiti on line ha tra i 40 e i 50 anni (contro il 29 per cento nazionale), mentre il 34,7 (contro 27,1) tra i 30 e i 40. Gli over 50 invece, nel Bresciano, non arrivano al 20 per cento del totale: a livello nazionale sono oltre il 38 per cento. Al 7,6 il dato dei 18-30, valore sostanzialmente in linea con la media italiana.

Comments

comments

LEAVE A REPLY