Canton Mombello, agenti spacciavano coca ai detenuti? Indagini in corso

Secondo l'accusa una guardia avrebbe fatto da corriere della droga, portandola a due detenuti albanesi che si occupavano poi di distribuirla

1
Canton Mombello
Canton Mombello

Sono gravissime le ipotesi di reato su cui starebbe lavorando la Procura di Brescia a carico uno o più agenti in servizio a Canton Mombello. A riferirlo è un articolo del Giornale di Brescia on line.

Secondo la pista investigativa – che ha portato all’arresto di un agente di polizia penitenziaria di 34 anni, ora ai domiciliari – nel penitenziario cittadino si era creata una vera e propria rete dello spaccio di droga, che vedeva fra i corrieri almeno un “secondino”.

Il giro era piuttosto articolato: stando all’ipotesi (lo ricordiamo, ancora tutta da confermare) l’agente introduceva la droga in carcere, che poi veniva consegnata a due detenuti albanesi e rivenduta agli altri carcerati, mentre a pagare il conto al pubblico ufficiale erano mogli e amici dei pusher.

L’uomo (che nel primo interrogatorio è rimasto in silenzio) è ora accusato di spaccio di droga e di abuso d’ufficio perché – sempre secondo l’accusa – avrebbe acquistato un’auto da un detenuto senza però pagarla quanto pattuito. Resta da capire, però, se altri agenti di custodia siano coinvolti nel traffico di stupefacenti.

 

Comments

comments

1 COMMENT

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome