Marijuana legale a Brescia, scorte esaurite in un giorno al bar Eni

Dopo gli articoli dei giornali il punto di distribuzione bresciano di Easy Joint è stato letteralmente preso d'assalto dai compratori della cannabis legale

0
Il bancone dei tabacchi all'Eni Caffè di via XXV aprile a Brescia, punto vendita della marijuana legale Easy Joint
Il bancone dei tabacchi all'Eni Caffè di via XXV aprile a Brescia, punto vendita della marijuana legale Easy Joint

All’Eni Cafè del benzinaio di via XXV aprile, in città, il cartello che pubblicizza la vendita della marijuana legale è sparito. In compenso, quando si presenta da loro una faccia nuova, la risposta – cortese e sorridente – è addirittura in anticipo sulla domanda: “Ci spiace, arriva mercoledì”.

La marijuana legale di Easy Joint, infatti, a Brescia è stata un successone. Dopo gli articoli dei giornali di ieri il bar gestito dalla coppia rovatese Elettra Bertoldi e Ramon Breda è stato letteralmente preso d’assalto. Alle 9.30 le brioches sono già finite da un pezzo, ma soprattutto è terminata la cannabis legale in confezioni da 10 grammi e venduta al prezzo di 17 euro (così era già successo altrove e BsNews ne aveva parlato mesi fa).

Del resto, dell’arrivo di Easy Joint a Brescia hanno parlato tutti i giornali bresciani (sia il Giornale di Brescia, sia Bresciaoggi – come BsNews – hanno mandato un giornalista sul posto) e le vendite sono passate da 3-4 al giorno all’esaurire tutte le scorte nell’arco di una mezza giornata. Un po’ a sorpresa, poi, i clienti tipo non sono ragazzini alla ricerca di un possibile sballo (che non c’è, visto che il Thc è inferiore allo 0,2 per cento, come stabilito dalla legge), bensì adulti che vogliono fumare “qualcosa di rilassante” alla sera. Perché invece, le proprietà legate al cannabidolo (rilassante, tranquillante, antipsicotico e antinfiammatorio) rimangono invariate, pare.

Insomma: la canna legale a Brescia è un successone ben oltre le attese. Ma resta ancora da capire quale sarà la reazione di Eni, multinazionale del petrolio e titolare di migliaia di punti benzina a brand, che potrebbe cercare di cavalcare l’onda oppure superare a logiche di profitto se ritenesse che la sua immagine è difficilmente conciliabile con quella del prodotto in vendita (pur perfettamente legale).

La certezza, comunque, è che quelli di easy Joint hanno già la fila di bar e tabaccherie pronte a diventare punto di distribuzione.

marijuana
Marijuana

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome