Omicidio Yara, depositata sentenza contro Bossetti

Sono state depositate le motivazioni della sentenza d'appello nel caso dell'omicidio di Yara Gambirasio che conferma l'ergastolo per Massimo Bossetti.

0
Yara e Bossetti
Yara e Bossetti

“L’inaudita gravità del fatto”, commesso “vigliaccamente” ai danni di “una ragazzina debole e indifesa, aggredita per motivi sicuramente spregevoli”. Con queste parole – riportate dal Giornale di Brescia – i giudici della Corte d’assise d’appello di Brescia hanno depositato la sentenza che conferma la condanna all’ergastolo di per l’omicidio di . La sentenza verrà presto impugnata dai legali difensori dell’uomo che hanno già fatto sapere di voler ricorrere in Cassazione.

Secondo i giudici bresciani, presieduti da Enrico Fischetti, il movente dell’omicidio della ragazzina bergamasca – scomparsa dalla palestra di Brembate il 26 novembre 2010 e ritrovata cadavere in un campo tre mesi dopo – è da ascriversi alle avances sessuali che Bossetti le avrebbe fatto e che lei avrebbe rifiutato. Nella sentenza viene considerata “granitica” la prova del Dna che inchioda Bossetti che invece la difesa ha sempre cercato in tutti i modi di confutare.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome