Pagani (Mdp): con Del Bono se non si tocca la maggioranza

L'ex Pd, spostatosi più a sinistra, ribadisce il sostegno al sindaco ma pone una condizione determinante al primo cittadino

9
Paolo Pagani, uno degli ex leader della sinistra Pd
Paolo Pagani, uno degli ex leader della sinistra Pd

“La coalizione di centrosinistra che sosterrà il sindaco uscente dovrà avere lo stesso perimetro di quella attuale, senza sconfinamenti verso il centro”. A ribadirlo è il coordinatore provinciale di Mdp Paolo Pagani, che – in un articolo di Mauro Zappa su Bresciaoggi – pone le sue condizioni per appoggiare nuovamente Del Bono.

Nello stesso articolo Pagani (ex Pd) sottolinea: “Siamo usciti dalla maggioranza che sostiene Gentiloni a seguito della decisione del governo di imporre sulla legge elettorale il voto di fiducia in entrambe le Camere e in conseguenza dell’assenza nel testo della legge di stabilità di segnali di discontinuità per ciò che concerne lavoro, sviluppo, scuola, salute e pensioni. Le nostre proposte, per quanto minimali sono state ignorate”.

Ma su Brescia i rapporti con la maggioranza guidata con Del Bono rimangono buoni. Anche se resta da capire come reagirebbe Mdp di fronte all’ipotesi di un eventuale allargamento al centro della coalizione.

Comments

comments

9 Commenti

  1. Accanto a MDP a Brescia c’è anche il Partito Comunista, Rifondazione Comunista, ec….come si legge nei manifestini ? Come si può proporre alla città ancora l’idea comunista del gestire la vita, una città, un futuro ??!

  2. Beh, Sandro, dopotutto Paroli, ex democristiano comunionliberazionista e poi forzista, ha portato al Governo di Brescia i due camerati nostrani (mai pentiti) Labolani e Arcai. Come si poteva proporre alla città ancora l’idea fascista del gestire la vita, una città, un futuro ??! Peraltro, visto come è andata con ideone come il Cubo Bianco, il parcheggio sotto il Cidneo, la Cittadella dello Sport, il piedistallo del Bigio e soprattutto, dulcis in fundo, lo scandalo Artematica magari sono meglio i compagni rifondaroli e certamente lo sono i bersanian-dalemiani…

    • Del Bono ha bisogno ora dei rifondati? Scricchiola la sua poltrona fatta di favori, do ut des al mondo cattolico radicalchic, alle cooperative cgil e caritas, al civismo tipo Castelletti e Onofri, a chi si identifica (?) con alfano, ecc? Attento Emilio a spostare l’asse dal centro (fatto di tante anime e tante tante convenienze) a sinistra, potresti alienarti molte simpatie dai signori centristi…. Hai la vittoria in mano, che sei forse masochista?

  3. L’idea comunista o quella fascista : mi sembrano entrambe ” superate ” per usare un eufemismo. Brescia si merita qualcosa di meglio !

    • Lo dica a del bono e critichi pubblicamente le risposte o le non risposte di del bono, come facciamo noi con lei… Chissa’, magari i suoi messaggi arrivano finalmente alle orecchie del sindaco….

  4. Leggo oggi sul Corriere: Bersani MDP : ” stiamo pensando a un leader politico ma anche civico…”
    Pare che questa passione ( o necessità ) di civismo dilaghi !!!
    Che ne pensa il duetto anonimo anti civismo ? Non c’entra il Papà e nemmeno il vescovo e nemmeno i fedeli cattolici, non c’entra lo Staff di Del Bono.!!

    • Dai che finalmente troverà qualcuno che l’ascolti, sempre che esprima (timidamente come ha fatto con Del Bono per non urtare Bersani) le sue idee e i suoi progetti…

  5. Dimenticavo la ciliegina sulla torta: magari, ma dubito molto visti i precedenti e gli inciuci tipici della sinistra che a parole è rivoluzionaria ma a fatti è zero, arriveremo finalmente ad eliminare il maledetto otto per mille e a dirottare le risorse verso i bisogni dei cittadini… Grande sinistra civica anticlericale….

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome