Impolliniamoci: donne in campo per difendere l’apicoltura

“Impolliniamoci – Sinergie in agricoltura”, questo il titolo dell'incontro che Donne in Campo Lombardia, Cia Est Lombardia e Associazione Apicoltori Lombardi organizzano a Brescia il prossimo 11 novembre al Cfp Canossa, in via Sant’Antonio 53

0
Un'ape col polline, a Brescia il settore dell'apicoltura è molto attivo
Un'ape col polline, a Brescia il settore dell'apicoltura è molto attivo

Negli ultimi decenni  la ricerca della massima produttività ha portato, molto spesso, alla selezione di colture e varietà più redditizie, ma ha impoverito la biodiversità ambientale.
Le monocolture, i cambiamenti climatici e l’erosione dei siti e degli habitat naturali contribuiscono a peggiorare la salute degli insetti impollinatori e la produzione di miele di qualità.

Da questi presupposti nasce il convegno “Impolliniamoci – Sinergie in agricoltura” che Donne in Campo Lombardia, Cia Est Lombardia e Associazione Apicoltori  Lombardi  organizzano a Brescia il prossimo 11 novembre al Cfp Canossa, in via Sant’Antonio 53.
L’appuntamento è a partire dalle 9.00 con l’apertura lavori e i saluti affidati a Renata Lovati presidente di Donne in Campo Lombardia e Rossano Bellettati di Cia Est Lombardia.
Seguirà alle 9.30 l’intervento di Mariangiola Monaci Vice Presidente di Donne in Campo Lombardia e apicoltrice dal titolo “Conosciamoci per cooperare: pluralità di intelligenza”.
Quindi la relazione di Claudio Porrini dell’Università di Bologna sul tema “L’apicoltura come valore aggiunto in un’agricoltura sostenibile”.

Dopo le testimonianze dirette delle apicoltrici presenti in sala e un miele break sarà la volta di Giorgio Baracani Vice Presidente di Conapi con un intervento su Il rispetto delle api per una produzione di qualità: l’esempio del settore sementiero.
Le conclusioni previste per le 12.40 saranno invece affidate a Claudio Vertuan Presidente dell’Associazione Apicoltori Lombardi.

“Il convegno vuol essere un messaggio di collaborazione e di interesse reciproco per salvaguardare la salute delle api e degli insetti impollinatori, creando  sinergie nel mondo agricolo, per stimolare la fantasia e l’attenzione nello studiare metodi per ricostituire habitat naturali e pascoli per le api”, spiegano le organizzatrici.
“È nostro compito cercare di ridurre l’uso dei fitofarmaci e facilitare la diffusione di pratiche agricole attente alla salvaguardia dell’ambiente e della biodiversità e crediamo che ciò sia possibile coinvolgendo anche il mondo scolastico, i docenti, gli studenti”, aggiunge Donne in Campo Lombardia.

Nell’incontro si prevede di fornire elementi utili alle aziende agricole affinché possano avviare azioni concrete per garantire la salute delle api e la loro riproduzione, prestando attenzione ai metodi di coltivazione ed all’uso dei prodotti di sintesi e creando dove è possibile, fasce tampone di piante e fiori melliferi al fine di incrementare le possibilità di pascolo per le api.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome