Sicurezza e Protezione Civile: ai comuni bresciani 350 mila euro per 54 progetti

In particolare, 725.000 euro vanno a Comuni, in forma singola o associata, e Unioni di Comuni, dotati di corpo o servizio di polizia locale, per il potenziamento della strumentazione tecnica

0
Assessore alla Protezione Civile di Regione Lombardia
Simona Bordonali

“Nonostante le difficoltà e i tagli da Roma siamo riusciti a destinare 1,2 milioni di euro agli Enti locali lombardi per migliorare le dotazioni dei Corpi di polizia locale e della protezione civile”. Lo ha detto l’assessore alla Sicurezza, Protezione civile e Immigrazione, Simona Bordonali, spiegando che, questa mattina, sono state pubblicate le relative graduatorie.

“Siamo riusciti a finanziare 158 progetti, ma è arrivato un numero altissimo di domande: ben 1.089 su tutto il territorio regionale. Un segnale chiaro – ha continuato – di come gli Enti necessitino di risorse per far fronte alle richieste dei cittadini. Abbiamo destinato ai comuni oltre 20 milioni in tre anni per la sicurezza. Siamo convinti che con una maggiore autonomia riusciremo a soddisfare tutte le richieste”.

In particolare, 725.000 euro vanno a Comuni, in forma singola o associata, e Unioni di Comuni, dotati di corpo o servizio di polizia locale, per il potenziamento della strumentazione tecnica. Sono stati finanziati 49 progetti. Questi fondi consentiranno di finanziare l’acquisto di smartphone, tablet, etilometri, autovelox (no speed check), telelaser, macchine fotografiche, radio portatili, opacimetri, gps portatili, laser scanner (strumenti che consentono il rilevamento in 3D di oggetti e spazi da utilizzare per rilievo di incidenti stradali), spessimetri (misuratori per battistrada pneumatici), spettrofotometri, metaldetector portatili (a paletta), bastoni estensibile privo di effetti lesivi permanenti, caschi di protezione, biciclette, telecamere mobili (hunter camera).

Altri 500.000 euro sono destinati a Comuni, Unioni di Comuni e Comunità Montane per il potenziamento delle dotazioni di piccola entità per la protezione civile. Sono stati finanziati 109 progetti. Si potranno così acquistare motoseghe, decespugliatori, soffiatori, motopompe, idrovore, turbine da neve a mano, generatori, torri faro, materiale elettrico necessario per il funzionamento di generatori e torri faro, segnaletica per la gestione del piano di emergenza comunale.

Questo l’elenco dei progetti finanziati in provincia di Brescia:

SICUREZZA: 12 PROGETTI euro 153.887,49

Bagnolo Mella (euro 20.000,00), Berlingo (euro 8.830,28), Borgosatollo (euro 13.810,41), Calvagese della Riviera (euro 16.601,76), Corte Franca (euro 11.570,81), Gottolengo (euro 18.546,87), Lumezzane (euro 15.439,80), Mazzano (euro 16.990,00), Ospitaletto (euro 19.073,48), Pompiano (euro 1.512,80), Remedello (euro 5.119,28), San Paolo (euro 6.392,00).

PROTEZIONE CIVILE: 42 PROGETTI euro 197.273,21

Sellero (euro 4.819,00), Gottolengo (euro 4.904,40), Pompiano (euro 4.794,60), Remedello (euro 4.855,60), Cevo (euro 4.999,19) Collio (euro 4.087,70), Sarezzo (euro 3.172,00), Tavernole sul Mella (euro 4.982,00), Lavenone (euro 4.985,00), Malonno (euro 4.875,51), Sulzano (euro 5.000,00), Lumezzane (euro 4.992,42), Pezzaze (euro 4.800,00), Rezzato (euro 4.794,60), Sale Marasino (euro 4.916,00), Borgosatollo (euro 5.000,00), Incudine (euro 4.421,70), Lodrino (euro 4.995,90), Nuvolento (euro 1.218,93), Visano (euro 4.827,00), Gardone Riviera (euro 4.546,00), Lonato (euro 5.000,00), Malegno (euro 5.000,00), Marone (euro 4.928,80), Mura (euro 4.840,00), Sonico (euro 5.000,00), Bagnolo Mella (euro 5.000,00), Iseo (euro 4.955,00), Marmentino (euro 3.660,00), Cortefranca (euro 4.990,00), Angolo Terme (euro 4.719,64), Capo di Ponte (euro 5.000,00), Gambara (euro 4.758,00), Villa Carcina (euro 4.995,90), Bagolino (euro 4.445,68), Bovegno (euro 4.675,04), Unione della Valtenesi (euro 4.794,60), Monticelli Brusati (euro 4.880,00), Vallio Terme (euro 5.000,00), Comezzano Cizzago (euro 4.643,00), Berzo Inferiore (euro 5.000,00), Cimbergo (euro 5.000,00).

Comments

comments

LEAVE A REPLY