Brebemi, il raccordo con A4 battezzato da Del Rio e Maroni

Le due rampe autostradali in direzione Venezia connettono direttamente la A35 e la A4 in corrispondenza dello svincolo di Travagliato Est

2
Brebemi inaugura la interconnessione con la A4
Brebemi inaugura la interconnessione con la A4, www.bsnews.it

Inaugurazione in pompa magna, lunedì mattina, per il nuovo raccordo tra e A4, tanto atteso dagli utenti e dalla società guidata da Franco Bettoni. Ospiti d’onore dell’appuntamento del taglio del nastro saranno il ministro alle Infrastrutture e Trasporti Graziano Delrio e il governatore della Lombardia .

Le due rampe autostradali in direzione Venezia connettono direttamente la e la A4 in corrispondenza dello svincolo di Travagliato Est. Contestualmente è stato raddoppiato a quattro corsie (due per senso di marcia) il raccordo di 4,2 chilometri fra lo svincolo di Travagliato e il grande snodo di Castegnato (il cosiddetto seppiolone).

L’inaugurazione del raccordo A35-A4, come riferito da BsNews, arriva con tre mesi di anticipo rispetto al cronoprogramma. Mentre per le nuove aree di servizio Adda sud e nord, nei pressi di Caravaggio, la data di inaugurazione oscilla fra fine mese e inizio dicembre. L’intervento sul raccordo è costato circa 47 milioni di euro.

Comments

comments

2 Commenti

  1. Una delle tante operazioni, l’amata Brebemi, partorita in pompa magna come infrastruttura sostenuta solo da capitali privati e poi, ridimensionata nelle iniziali finalità e con flussi di cassa ridicoli rispetto alle previsioni, riossigenta con denaro pubblico, cioè coi nostri soldi, ed abbandonata dai grandi investitori privati. Ovviamente i boss della politica si autoincensano visto che la campagna elettorale è già partita, ma prima dl votare questa è una delle boiate di cui ci ricorderemo.

  2. Opera utilissima e strausata dagli utenti. Tant’è che fino a poco tempo fa, da brescia, ti inducevano, se nn stavi più che attento, a prenderla anche se non volevi… Opera assolutamente inutile, come la metro e l’inceneritore che la collettività deve purtroppo pagare… Quindi c’è poco da festeggiare…

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome