Brescia da collezione tra Ottocento e Novecento | MOSTRAMI UNA MOSTRA/41

0
L’Ottocento e il Novecento nelle collezioni istituzionali bresciane, foto Enrica Recalcati per BsNews.it
L’Ottocento e il Novecento nelle collezioni istituzionali bresciane, foto Enrica Recalcati per BsNews.it
Enrica Recalcati, opinionista di BsNews.it
La scrittrice , opinionista di BsNews.it

di Enrica Recalcati – L’inizio di una collaborazione che si prevede proficua fra Ateneo di Brescia (Accademia di Scienze, Lettere ed Arti) e Aab.  Una mostra curata da Luigi Capretti e Francesco De Leonardis, allestita in vicolo delle Stelle e patrocinata da Comune e Provincia di Brescia.  Si tratta di una piccola parte delle migliaia di opere facenti parte la collezione d’arte dell’Ateneo di Brescia.

I dipinti e disegni fanno bella mostra di sé e ci guidano in quel romantico e culturalmente fervido Ottocento e Novecento bresciano.

L’Ateneo di Brescia nasce nel 1802 e da subito svolge un ruolo determinante nel panorama artistico bresciano, accogliendo tra i suoi soci personaggi talentuosi divenuti poi di fama internazionale.

La collezione si arricchisce negli anni per merito di donazioni post-mortem degli stessi autori o di parenti stretti per renderne perpetuo il ricordo.

Palazzo Tosio, sede dell’Ateneo, svolge infatti, insieme ai Civici Musei, un ruolo determinante nel sistema di raccolta dell’arte bresciana.

L’artista di spicco è Giovanni Renica che nel 1882 regalò all’Ateneo centinaia di opere fra dipinti, disegni, studi, album, collezione che fu arricchita dalla vedova, due anni dopo, alla sua morte.

Di Luigi Basiletti è esposto “Cenacolo Tosio”, il noto ritratto di gruppo con i coniugi Tosio, che è diventato immagine simbolo dello stesso Ateneo e il ritratto di “Cesare Arici” sapientemente e recentemente restaurato da Romeo Seccamani.

Un quadro che farebbe bella mostra in ogni salotto è il fiammingo a “Fiori” di Tommaso Castellini.  Troviamo poi “Paesaggio Alpino” di Faustino Joli e di Angelo Inganni un “Ritratto di bambino con mazzolino di fiori”.

Giovanni Renica illumina il nostro sguardo con “Alle sorgenti dell’Adda” e una serie di 13 piccoli, piacevoli paesaggi.    Il suo ritratto eseguito da Giuseppe Ariassi lascia al visitatore un’immagine bella e carismatica dell’artista.

“Il castello dell’Innominato”, parte della donazione Renica, è di Massimo D’Azeglio.

Di Giovanni Canella quattro delicati studi dal vero.

Di Cesare Bertolotti “Pascoli a Paspardo”, un paio di paesaggi di Gianbattista Bosio, di Edoardo Raimondi  “La battaglia di Mentana”, di Giovanni Battista Nodari  “Ritratto di Vecchio” e di autore ignoto il ritratto “Francesco Carini”.

Una importante operazione di valorizzazione del patrimonio artistico bresciano, quella che stanno svolgendo , presidente aab e Sergio Onger, presidente di Ateneo, avente lo scopo di promuovere l’arte contemporanea con uno sguardo al passato.

L’Aab in collaborazione con Brescia Musei, ha programmato, per i primi mesi del 2018, un’iniziativa volta a promuovere la riapertura della Pinacoteca Tosio Martinengo, prevista a marzo.   Saranno sei incontri intitolati “Gli uomini e le donne che fecero l’impresa”, in cui verranno ricordati tutti i personaggi che, per due secoli, hanno contribuito alla realizzazione della Pinacoteca.

L’Ottocento e il Novecento nelle collezioni istituzionali bresciane

Aab vicolo delle Stelle,4

Da martedì a domenica

dalle 16 alle 19,30

fino al 17 gennaio 2018

ingresso libero

LEGGI LA PUNTATA PRECEDENTE DELLA RUBRICA

GUARDA LA FOTOGALLERY

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome