Il Leone arriva nel cuore di Lonato del Garda per rivestire Palazzo Carpaneda

Il centro commerciale, in accordo con l’amministrazione comunale, ha finanziato la copertura dei ponteggi che mettono in sicurezza le facciate di Palazzo Carpaneda

0
Palazzo Carpaneda rivestito da Il Leone Shopping Center - foto da ufficio stampa
Palazzo Carpaneda rivestito da Il Leone Shopping Center - foto da ufficio stampa

Il Leone Shopping Center arriva nel cuore… di Lonato del Garda. Per una volta il profilo dorato del logo del centro commerciale esce dalle mura di via Mantova per arrivare in centro a Lonato e fare bella mostra di sé su uno dei palazzi storici del paese. Palazzo Carpaneda da anni é soggetto ad una procedura fallimentare che non ne consente l’utilizzo, e perciò versa in uno stato di degrado e abbandono, anche le installazioni di protezione utilizzate negli anni mostravano i segni del tempo.

Per una migliore messa in sicurezza delle facciate del palazzo, l’amministrazione comunale con l’assessorato ai lavori pubblici, in accordo con il curatore fallimentare che segue la vicenda del palazzo, ha fatto installare un ponteggio davanti a tutto il fronte dell’immobile. Il telo di rivestimento del ponteggio, che riproduce la facciata stessa del palazzo, è stato realizzato grazie al contributo de “Il Leone Shopping Center”. Un investimento che il centro commerciale ha affrontato volentieri nell’ottica di una collaborazione con il territorio che, fin dall’apertura, non è mai mancata. Palazzo Carpaneda è uno dei gioielli nascosti di Lonato ma, finché la vicenda della procedura fallimentare non sarà terminata, non potrà essere restituito ai cittadini. Questo intervento congiunto fra amministrazione comunale e centro commerciale tenta di recuperare almeno in piccola parte il lato estetico del palazzo restituendo alla cittadinanza una visione più ordinata del palazzo.

“Abbiamo chiesto una mano in questo intervento al centro commerciale Il Leone che ancora una volta non si è tirato indietro” commenta l’assessore ai lavori pubblici Oscar Papa. “L’intervento sul palazzo era doveroso e non più rimandabile, grazie alla sinergia fra le nostre due realtà abbiamo potuto rispondere in poco tempo ad una esigenza di sicurezza dell’immobile, ma abbiamo trovato una soluzione che crediamo sia migliorativa anche sul lato estetico e del decoro della via,  viste le condizioni attuali del palazzo” conclude Papa.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome