Forza Italia, Gelmini rilancia Vilardi come candidato sindaco

Il coordinatore regionale degli Azzurri Mariastella Gelmini, a Bresciaoggi, ha rilanciato la candidatura dell'ex assessore della giunta Paroli

1
Paola Vilardi, Brescia
Paola Vilardi, Brescia

In Forza Italia i nomi dei possibili candidati sindaci del centrodestra per la città di Brescia abbondano. Peccato che fino ad oggi nessuno abbia mai detto esplicitamente sì. Alessandro Mattinzoli ha invocato un civico e lanciato ufficialmente il nome di Francesco Onofri. Adriano Paroli ha rilanciato in tempi più recenti con un medico in pensione, Enrico Agabiti Rosei, suscitando vivaci polemiche. Nel frattempo, sempre sul fronte civico, è spuntato il nome di Zampedri, che però si è chiamato fuori dai giochi. Mentre altri esponenti di Forza Italia hanno avanzato i nomi di Giorgio Maione (che prima si era candidato in polemica con Mattinzoli) e di Paola Vilardi. Senza escludere l’ex assessore al Bilancio Fausto Di Mezza. Ma c’è anche chi, nel partito, ha esplicitamente parlato dell’ipotesi di sostenere un leghista: Rolfi o Bordonali, che – dal canto loro – non hanno risparmiato critiche a Forza Italia.

In questo quadro si inserisce la nuova presa di posizione del coordinatore regionale degli Azzurri Mariastella Gelmini, che a Bresciaoggi ha rilanciato la candidatura dell’ex assessore Paola Vilardi. “Se ora mi si chiede se Forza Italia ha un candidato di partito non ho difficoltà a dire che si punta su Paola Vilardi – ha spiegato – Oltre ad essere donna, è una professionista stimata e già si è misurata con il governo della città facendo molto bene l’assessore in giunta Paroli. È dirigente di partito e quindi coniuga tutto quello che serve per poter essere una ottima proposta. Un candidato quindi lo abbiamo e riteniamo che sia molto competitivo”.

L’ex ministro, poi, ha garbatamente scaricato l’ipotesi del candidato civico: “Il tentativo di Adriano Paroli di allargare alla società civile non è velleitario – ha aggiunto -, ma è un tentativo nobile che si iscrive nel solco della tradizione di Forza Italia che da sempre ha cercato di aprirsi. (…) Ho molto creduto nella possibile candidatura di Zampedri, purtroppo ragioni professionali non gli hanno consentito di sciogliere la riserva ma non è detto che tra gli imprenditori o il mondo dell’università non si possa trovare una candidatura di sintesi. Trovo giusto, però, confrontarsi al tavolo della coalizione”. Parole di apertura alla Lega dunque, anche se la Gelmini non esclude l’ipotesi delle primarie, che gli esponenti del Carroccio hanno indicato come impraticabile.

Comments

comments

1 COMMENT

  1. Visto che a parlare è la Gelmini, le suggerisco, come candidatura di sintesi, chi conosce molto bene e cioè il Prof.Sergio Pecorelli, già Rettore dell’Università di Brescia nonchè già Presidente del Consiglio di Amministrazione dell’AIFA e già illustre Primario degli Spedali Civili. Non trovando leoni, il centrodestra può anche accontentarsi di…pecorelli.

LEAVE A REPLY