Regione, Alberto Cavalli rimane solo nel “gruppo” Parisi

Il sottosegretario al Pirellone Daniele Nava e il consigliere regionale Mauro Piazza sono tornati in Forza Italia: resta da capire che farà l'ex presidente del Broletto

4
L'ex presidente della Provincia di Brescia Alberto Cavalli
L'ex presidente della Provincia di Brescia Alberto Cavalli

Soltanto un mese fa, in Regione, Alberto Cavalli aveva annunciato l’adesione al gruppo Energie per l’Italia di Stefano Parisi. Ora però quel gruppo non c’è più perché due dei tre componenti – il sottosegretario al Pirellone Daniele Nava e il consigliere regionale Mauro Piazza – sono tornati in Forza Italia. Partito con cui erano stati eletti, salvo poi passare con il Nuovo centrodestra di Alfano, con Alternativa Popolare e quindi con Nuove Energie. Ora nel “gruppo” di Parisi Cavalli rimane solo, anche se la coordinatrice regionale degli Azzurri Maristella Gelmini – secondo quanto riportato da su Bresciaoggi – gli ha già teso la mano. Resta da capire cosa farà l’ex presidente di Palazzo Broletto.

Comments

comments

4 Commenti

  1. Avete letto bene. C’è gente che, eletta sotto le insegne di un partito, cambia tre schiueramenti in una sola legislatura salvo poi tornare sotto la bandiera iniziale. E sapete perchè ? Si annuncia l’election day, sembra cambiare il vento, Forza italia si sta ripossigenenando e allora: tutta alla casa madre. Compreso il povero Cavalli che già mamma Maria Stella riabbraccia amorevolmente. C’è da augurarsi che, in qualsiasi forma, lombardi ed italiani diano una mazzata elettorale a questi trasformisti senza etica e senza pudore.

    • Tutto va bene anche perchè dopo vent’anni tornare a fare l’architetto non è cosa semplice per il Cavalli che potrebbe ancora battare il record del padre, Prof.Andrea, politico di primo piano socialdemocratico per solo trent’anni cui riuscì negli anni settanta, quelli d’oro in tutti i sensi, di raggiungere la Vicepresidenza del Consiglio Regionale Lombardo.

  2. Il problema, di sempre, rimane quello che la gente non ha alternative ed é costretta a votare un qualcuno fra tanti signor nessuno che alla fine non faranno nulla di buono e risponderanno alle logiche di potere. E chi vuole fare a prescindere dai partiti non ha spazio e non viene nemmeno considerato dagli elettori che lo credono un arrivista. Questa è la politica in Italia.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome