Grande Nord a Roma con il sindaco di Comezzano per chiedere più risorse

C’era anche un sindaco di un piccolo Comune della provincia di Brescia nella delegazione di Grande Nord, il movimento fondato da Marco Reguzzoni e Roberto Bernardelli, che ieri ha depositato simbolo e programma elettorale al Viminale per candidarsi alle elezioni politiche e regionali

0
Il sindaco di Comezzano Cizzago Mauro Maffioli
Il sindaco di Comezzano Cizzago Mauro Maffioli, foto da Facebook

C’era anche un sindaco di un piccolo Comune della provincia di Brescia nella delegazione di Grande Nord, il movimento fondato da Marco Reguzzoni e Roberto Bernardelli, che ieri ha depositato simbolo e programma elettorale al Viminale per candidarsi alle elezioni politiche e regionali.

«Perché Grande Nord? Perché non c’è come aver fatto l’amministratore locale per 14 anni in un piccolo Comune per venire a conoscenza delle difficoltà e delle esigenze dei propri cittadini, e dei cittadini in generale – le parole di Mauro Maffioli, sindaco di Comezzano Cizzago nella conferenza stampa che si è tenuta oggi pomeriggio a Montecitorio – sedersi ad un tavolo con il tricolore alle spalle e non poter dare risposta a tutte le persone che vengono a chiedere aiuto è alquanto sconfortante». Per il sindaco Maffioli, Grande Nord «ha dei punti base che io condivido e che la mia gente condivide: è giusto che tutto ciò che si produce sul territorio venga reinvestito e messo a disposizione dei cittadini, perché amministrare con le tasche vuote è impossibile. Invece di dare bonus a pioggia che non servono a nulla, occorre dare ai cittadini soldi da spendere per poter vivere, investire e creare lavoro».

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome