Cidneon 2018: ecco tutto quello che c’è da sapere sul festival delle luci di Brescia

Il Festival delle Luci di Brescia è pronto adaccendere nuovamente la città in 8 serate che andranno in scena tra le suggestive mura medievali dal 10 al 17 febbraio

0
L'edizione 2017 del Festival delle luci CidneOn. Foto da pagina ufficiale di Facebook - www.bsnews.it
L'edizione 2017 del Festival delle luci CidneOn. Foto da pagina ufficiale di Facebook - www.bsnews.it

torna a illuminare il Castello di Brescia. Dopo il successo della prima edizione, che ha portato sul Colle Cidneo oltre 200mila visitatori, il Festival delle Luci – come anticipato – è pronto adaccendere nuovamente la città in 8 serate che andranno in scena tra le suggestive mura medievali dal 10 al 17 febbraio (dalle ore 18.00 alle 24.00 con ultimo ingresso alle 22.30).  CidneON rientra nel circuito di ILO (International Light Festival Organisation), la rete mondiale che raccoglie le più importanti rassegne di light-art del pianeta. Ma rispetto alle altre manifestazioni del settore offre ai visitatori una magia particolare perché è l’unico a essere realizzato in un Castello cittadino.

CidneON è un progetto promosso dal Comitato Amici del Cidneo ONLUS, con la direzione artistica dell’Associazione Cieli Vibranti, organizzato da UP! Strategy to action, con la supervisione di Robbert Ten Caten, segretario di ILO. Il Festival Cidneon gode inoltre del sostegno di importanti Enti e Sponsor, tra cui la Regione Lombardia.

 “Natura e Architettura: ecco il titolo scelto dagli organizzatori per l’edizione 2018 di CidneON. Un titolo che indica un percorso emozionante e originale: il rapporto tra spazio naturale e spazio creato dall’uomo, nel suggestivo contesto del Castello di Brescia. In questo quadro, le installazioni e le proiezioni di light art vogliono prendere spunto dalla singolare “architettura naturale” del castello per ampliare l’orizzonte dell’immaginazione grazie alla creatività degli artisti coinvolti, chiamati a mettere in dialogo storia, natura e fantasia.

Anche quest’anno il Festival è gratuito. Tuttavia, in considerazione dell’alto afflusso al Castello registrato nella prima edizione, sarà possibile evitare le lunghe code grazie a una Chiave Magica che garantirà l’accesso a una fast lane dedicata. Il servizio costerà 8 Euro e sarà acquistabile attraverso il sito ufficiale www.CidneON.com. Ci sarà inoltre la possibilità di avere uno sconto per gruppi superiori alle 20 unità.

TUTTI GLI EVENTI NELL’AMBITO DI CIDNEON 2018

  • Il percorso all’interno del Castello prevede 19 installazioni – in crescita rispetto alle 15 della prima edizione – con artisti provenienti da Olanda, Germania, Slovacchia, Polonia, Canada, Finlandia, Portogallo e Italia. L’obiettivo della manifestazione è coniugare un respiro internazionale con la valorizzazione di giovani talenti bresciani: a tale scopo, alcune installazioni rappresentano produzioni originali appositamente commissionate per mettere in luce specifici temi culturali e aree del castello.
  • La sezione Giovani Artisti per CidneON si preannuncia quindi ricca di eventi. Con l’installazione Le mura parlanti tre giovani donne – l’attrice Camilla Filippi, la scrittrice Isidora Tesic e la musicista Eleuteria Arena – raccontano in modo originale, in parole e musica, la nostra città. Il compositore Paolo Gorini, allievo di Mauro Montalbetti, ha scritto appositamente per CidneON l’accompagnamento musicale della installazione Ecce homo, realizzata da Scena Urbana e ispirata a “Cristo e l’angelo”, capolavoro di Alessandro Bonvicino, detto il Moretto. Il giovanissimo rapper Marco Maninetti ha realizzato il brano musicale che anima l’installazione Albero dei desideri, che ha la voce dell’attore Luca Muschio.
  • Due delle 19 installazioni saranno un omaggio alla riapertura della Pinacoteca Tosio Martinengo di Brescia che a marzo, dopo nove anni di chiusura, riaprirà i battenti. Le due installazioni sono ispirate ad altrettanti capolavori della Pinacoteca: “Il drago del Castello”, opera ispirata alla quattrocentesca tavola di “San Giorgio e il drago”, e “Ecce homo”, che trae ispirazione da uno dei vertici dell’arte rinascimentale bresciana e lombarda, “Cristo e l’angelo” di Alessandro Bonvicino, detto il Moretto.
  • CidneON ricorderà l’opera di due importanti compositori bresciani: Antonio Bazzini e Giancarlo Facchinetti. Antonio Bazzini, anzitutto, celebre violinista, didatta e compositore del quale ricorre nel 2018 il duecentesimo anniversario dalla nascita: la sua musica accompagnerà l’installazione Colonne sonore, nel cortile del Mastio Visconteo. La musica di Giancarlo Facchinetti (1936 – 2017) è invece il tessuto sonoro di Acordaos”.
  • Il tema della memoria. Tema centrale per ogni comunità, la memoria assume a Brescia particolari risonanze. L’installazione “Acordaos. Coro di luce”, opera di Stefano Mazzanti con musica di Giancarlo Facchinetti, è collocata nella Fossa dei Martiri, quale omaggio alle vittime delle guerre e delle battaglie che videro come teatro il Castello nel corso dei secoli, dalle Dieci Giornate del 1849 alle persecuzioni fasciste dell’ultimo conflitto mondiale; otto colonne luminose rosse rimandano idealmente alle vittime della strage di piazza Loggia, nel 1974, evento fortemente iscritto nella memoria storica della città.
  • CidneON ha tessuto una importante rete di collaborazioni con le istituzioni accademiche bresciane, a cominciare dalle due Università, Statale e Cattolica, che hanno concesso il patrocinio all’evento. In questo quadro, l’Università degli Studi presenterà il progetto “Le autostrade della luce”, dedicato allo sviluppo delle fibre ottiche, in calendario il 16 febbraio alle 17 nel salone Apollo di palazzo Martinengo Palatini. Le due Accademie d’Arte della città, Laba e Santa Giulia, hanno realizzato invece ben tre installazioni per CidneON, frutto di un percorso didattico.
  • CidneON 2018 consentirà anche di riscoprire il fascino e la magia del Castello di Brescia, la più grande fortezza urbana d’Italia, ricchissima sotto il profilo storico artistico. Nei giorni del Festival sarà possibile visitare gratuitamente il Museo delle Armi “Luigi Marzoli”, straordinaria collezione di armi bianche e armi da fuoco, testimonianza della vocazione industriale della Leonessa d’Italia. I visitatori potranno anche ammirare il grande plastico ferroviario “Cidneo”, curato dal Club Fermodellistico Bresciano.
  • Concorso Zoom “CidneON2018”. Anche in questa seconda edizione è previsto un concorso fotografico in collaborazione con il Giornale di Brescia. Una nuova avventura fino all’ultimo scatto.
L'edizione 2017 del Festival delle luci CidneOn. Foto da pagina ufficiale di Facebook - www.bsnews.it
L’edizione 2017 del Festival delle luci CidneOn. Foto da pagina ufficiale di Facebook – www.bsnews.it

TUTTE LE INSTALLAZIONI DI CIDNEON

  1. Mura del Castello
    BIANCOBLU
    Kari Kola – Finlandia
    Le mura e le torri del Castello si tingeranno di bianco e blu, i colori della bandiera di Brescia, diventando visibili da tutta la città.
  2. Portale di accesso
    NATURA E ARCHITETTURA
    Afterlight – Olanda
    L’ingresso monumentale del Castello viene esaltato da una spettacolare combinazione di videomapping e giochi di luce, che mette in scena il confronto tra i cicli naturali e gli spazi d’invenzione dell’architettura.
  3. Piazzale della Locomotiva
    IL DRAGO DEL CASTELLO
    Davide Carioni e Lorenzo Pompei – Italia
    Un omaggio ad uno dei quadri simbolo della Pinacoteca Tosio Martinengo, che ritrae San Giorgio e il drago. Nel piazzale della locomotiva, un gigantesco drago d’acqua prende vita, dominando l’intera città.
  4. Torre di Mezzo
    A MISURA D’UOMO
    Ocubo – Portogallo
    Installazione interattiva che consente al pubblico di disegnare con gesti e movimenti le proprie architetture luminose sulla parete.
  5. Ponte Levatoio
    RIAPPROPRIAZIONE
    LABA: Michelangelo De Santoli e Matteo Miccoli – Italia
    Installazione a cura degli studenti dell’accademia bresciana LABA, coordinati dai docenti Nazareno Cerquaglia e Andrea Paroli. L’illuminazione bianca e verde interpreta, attraverso proiezioni e giochi di luce, il ciclo di riconquista da parte della natura degli spazi architettonici.
  6. Cortile del Mastio
    COLONNE SONORE
    LABA: Paola Maffioletti, Chiara Laffranchini, Chiara Pizzamiglio – Italia
    Installazione a cura delle studentesse dell’accademia bresciana LABA, coordinate dai docenti Nazareno Cerquaglia e Andrea Paroli. Il tema è la sostenibilità: nel cortile si levano quattro colonne composte da 1.200 lampadine esauste, rinate a nuova “luce” come strumento di creatività artistica.
    La musica che accompagna il percorso è di Antonio Bazzini, grande compositore bresciano di cui ricorre il duecentesimo anniversario della nascita.
  7. Piazzale Torre Mirabella
    SPETTRO LUMINOSO
    Kasjo Studio – Joachim Slugocki e Katarzyna Malejka – Polonia
    Il giardino della Torre Mirabella si anima con nastri luminosi che reinventano lo spazio.
  8. Sentiero verso la Torre dei Francesi
    NORDIC BUTTERFLIES
    Samuli Halla, Katja Kouvolainen, Kari Kola – Finlandia
    L’area verde diventa un fiabesco giardino abitato da sinuose farfalle di luce.
  9. Area Verde Torre dei Francesi
    LUCCIOLE
    Wisse Trooster, Troy Reugebrink – Olanda
    Le lucciole invadono il sentiero e gli alberi, indicando al pubblico il cammino.
  10. Fossa dei Martiri
    ACORDAOS. CORO DI LUCE
    Stefano Mazzanti – Italia
    Geometrie di colonne luminose si accendono e spengono in sequenza, sulle note del compositore Giancarlo Facchinetti. Otto saranno di colore rosso, per ricordare le vittime della strage di piazza della Loggia.
  11. Tunnel Torre Coltrina
    MUSICA E NUVOLE
    Daniel Kurniczak – Germania
    Le nuvole di luce e la musica dell’artista totale Daniel Kurniczak daranno vita ad una magica atmosfera nello scenario suggestivo del tunnel.
  12. Fossa Viscontea
    TUNNEL
    AreaOdeon – Italia
    Il pubblico entrerà nella quarta dimensione con l’installazione di Marcello Arosio, una galleria laser dalle imprevedibili geometrie luminose.
  13. Mura viscontee
    LE MURA PARLANTI
    AreaOdeon – Italia
    Il Castello prende la parola e racconta storie di luoghi simbolo di Brescia con i testi della giovane scrittrice Isidora Tesic, interpretati dall’attrice Camilla Filippi e sonorizzati da Eleuteria Arena.
  14. Torre dei Francesi
    ECCE HOMO
    Ideato e prodotto da Scena Urbana in collaborazione con Enrico Ranzanici – ITALIA
    Paolo Gorini, composizione e pianoforte
    Gaia Mattiuzzi, voce
    Jacopo Bertoli, sound design
    Marina Rossi – Lelastiko, partitura di movimento
    Marco Poli, interpretazione
  15. Galleria
    REBORN
    Accademia Santa Giulia: Chiara Brembilla, Francesca Franzosi, Eleonora Ripa e Sara Sarzi Sartori – Italia
    Installazione a cura delle studentesse dell’Accademia Santa Giulia, coordinate dal docente Stefano Mazzanti. Ispirata ai riti per celebrare il passaggio delle stagioni degli antichi Celti, che per primi abitarono il colle Cidneo, l’installazione conduce dall’inverno all’estate, accompagnando il pubblico dal buio alla luce.
  16. Bastione di San Marco
    ALBERO DEI DESIDERI
    Richard Röhrhoff – Germania
    Nell’area verde si illumina l’Albero dei desideri, un’installazione interattiva che consente al pubblico di scegliere, con il proprio smartphone, tra quattro diversi spettacoli luminosi.
  17. Bastione di San Marco
    FARFALLE
    Scuole bresciane – Italia
    Come lo scorso anno, l’area verde del bastione di San Marco sarà riservata a bambini e ragazzi delle scuole bresciane, che realizzeranno delle farfalle luminose in un ideale volo verso il futuro.
  18. Bastione di San Marco
    LA NUVOLA
    Caitlind RC Brown & Wayne Garrett – Canada
    Nuvola e albero insieme, questa installazione – costruita con migliaia di lampadine, che il pubblico può accendere o spegnere – è un inno alla natura e alla sostenibilità.
  19. Mura venete
    LIGHT TOWER
    Marco Taietti – Italia
    Da un’idea degli architetti Mario Pan e Alessandro Pezzotti, la scala di uscita diventa una vera e propria installazione luminosa ispirata al tema del festival, una nuova torre che completa il profilo del Castello, omaggio alla perduta Torre dell’Olio, esplosa nel Settecento, e al tema del festival.

L’ELENCO COMPLETO DEGLI ARTISTI

Installazione n. 1 “Bianco blu”

KARI KOLA – FINLANDIA

Kari Kola lavora con la luce da più di 15 anni, in tutti i campi dell’illuminazione. Negli anni ha lavorato sia come tecnico sia come artista in diverse produzioni inclusi festival, opere, musical, performance multimediali, cerimonie di apertura e, ovviamente, light-art.

 

Installazione n. 2 “Natura e architettura”

AFTERLIGHT – OLANDA

Afterlight è un innovativo studio di design olandese, con sede ad Eindhoven, specializzato nella creazione di esperienze visive coinvolgenti con l’utilizzo della tecnica del Projection Mapping. Crea spettacoli unici, che lasciano un’impressione duratura sul pubblico, unendo anni di esperienza nella progettazione grafica in 3D e in 2D con una tecnologia luminosa all’avanguardia.

Afterlight ha realizzato progetti artistici per il GLOW Festival di Eindhoven, il festival Lumina di Cascais, per il PhantasiaLand di Colonia, le Poste di Algeri e molte altre rassegne europee. www.afterlight.eu

 

Installazione n. 3 “Il drago del Castello”

DAVIDE “ASKER” CARIONI – ITALIA

Graffiti writer, motion graphic designer e video mapper. La sua esperienza trasversale spazia dalla progettazione grafica alla produzione di video non convenzionali come ologrammi, waterscreen, digital live painting e video 360 VR.

Attivo dal 1999 come graffiti artist e membro delle crews: Interplay, TDK e ACV; sviluppa uno stile artistico basato sul lettering tridimensionale. Il radicamento al paesaggio urbano come writer, il lavoro come motion graphic designer, la predisposizione alla proiezione e lo stile 3D lo portano inevitabilmente alla scoperta e allo studio del videomapping.

Nel 2009 ha fondato lo studio Original Asker, nel 2015 WOA Creative Company, agenzia di produzione video, organizzazione eventi, laboratorio e spazio di coworking.

LORENZO POMPEI – ITALIA
Lasershow designer e videomaker per Laser Entertainment, con la quale ha vinto 12 premi ILDA, l’International Laser Display Association. Ha recentemente collaborato allo show “Mille anni di magia”, un’esperienza multimediale che guida lo spettatore attraverso villa Rufolo, nell’ambito del Ravello Festival. Vanta esperienze come designer e body painter.

 

Installazione n. 4 “A misura d’uomo”

OCUBO – PORTOGALLO

Fondato nel 2004 dalle menti creative di Carole Prunelle e Nuno Maya, l’atelier OCUBO sviluppa show di video mapping e proiezioni di luce interattive basate sulla comunicazione delle emozioni negli spazi urbani.

Guidate dai principi della creatività, dell’innovazione e dell’eccellenza artistica, le sue opere si distinguono per l’approccio  contemporaneo dato alla storia e ai simboli culturali ed architettonici dei luoghi dove vengono esibiti. Attraverso l’uso di diversi mezzi audiovisivi-fotografie, archivi, illustrazioni per video HD,animazione 3D e 4D e programmazione interattiva- le produzioni OCUBO sono caratterizzate da abbaglianti giochi di colori, luci , suoni e movimento.

Grazie ad un  team versatile, OCUBO è, ad oggi, un punto di riferimento nell’arte della luce con progetti multimediali di grande formato esibiti in tutto il mondo: Australia, Israele, Nuova Zelanda, Polonia, Gran Bretagna, tra gli altri.

Abbattendo le barriere socioculturali, l’atelier  propone nuovi modi di vedere e sentire l’arte.

Installazioni n. 5 “Riappropriazione” e n. 6 “Colonne sonore”

LABA LIBERA ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI BRESCIA – ITALIA

La LABA (Libera Accademia di Belle Arti) è una realtà bresciana che da vent’anni si occupa di formazione al più alto livello in campi quali arti visive tradizionali e multimediali, design, moda, cinema, teatro, fotografia, scenografia e comunicazione. Ha sempre creduto nell’interazione con imprese ed istituzioni come strumento didattico e nella opportunità di porsi a servizio della città con idee e competenze.

 

 

 

Installazione n. 7 “Spettro luminoso”

KASJO STUDIO: JOACHIM SLUGOCKI – POLONIA

KASJO Studio nasce dalla collaborazione tra due giovani artisti polacchi Katarzyna Malejka e Joachim Slugocki.

Lei lavora con i nuovi media,  mentre lui è pittore. Ciò che li lega è la passione per la luce come strumento espressivo, sempre centrale nelle loro opere artistiche.

KASJO Studio parla la lingua dell’astrazione. Cercando i paesaggi del futuro, gli artisti non utilizzano simulazioni o tecnologie preconfezionate, ma realizzano installazioni site-specific, che esplorano il paesaggio urbano arricchendolo di fantasie pittoriche.

Installazione n. 8 “Nordic butterflies”

SAMULI HALLA, KATJA KOUVOLAINEN, KARI KOLA  – FINLANDIA

Samuli Halla è uno scenografo che lavora per lo più nel teatro di prosa. Ha collaborato per circa 20 anni in tutti i principali teatri finlandesi. Ha lavorato anche nel cinema come scenografo e set designer.

Katja Kouvolainen è pittrice ed artista. Ha lavorato a lungo in tutti i campi della pittura, murales e visual art. Ha un’incredibile capacità di tradurre in immagini ampi paesaggi con tecniche sperimentali e mescolando linguaggi diversi.

Kari Kola lavora con la luce da più di 15 anni, in tutti i campi dell’illuminazione. Negli anni ha lavorato sia come tecnico sia come artista in diverse produzioni inclusi festival, opere, musical, performance multimediali, cerimonie di apertura e, ovviamente, light-art.

 

Installazione n. 9 “Lucciole”

WIISSE TROOSTER, TROY REUGEBRINK – OLANDA

Wisse Trooster e Troy Reugebrink hanno iniziato a collaborare in occasione di un laboratorio creativo sull’illuminazione intelligente della University of Technology di Eindhoven. Il loro lavoro si concentra sulla ricerca e sperimentazione delle influenze della luce nell’esperienza dello spazio pubblico, in collaborazione con il gruppo Light Architect Har Holland.

 

 

 

Installazione n. 10 “Acordaos. Coro di luce”

STEFANO  MAZZANTI – ITALIA

Stefano Mazzanti è artista visivo e lighting designer. Da diversi anni porta avanti un lavoro di ricerca nell’ambito dell’impiego espressivo e artistico della luce. Laureatosi in DAMS con una Tesi di Laurea dedicata al linguaggio della luce, per alcuni anni ha seguito, come assistente, uno dei massimi professionisti del settore: il lighting designer Gigi Saccomandi.

Ha pubblicato il libro “Luce in scena” specificamente dedicato all’illuminazione teatrale, e tenuto numerosi corsi sull’argomento. In ambito lavorativo applica e sviluppa le sue conoscenze nei settori dello spettacolo e delle arti visive. Attualmente collabora con importanti artisti per spettacoli di teatro, opera e danza. www.stefanomazzanti.it

 

GIANCARLO FACCHINETTI (1936-2017) compositore – ITALIA
Diplomato in Composizione, Pianoforte, Direzione d’Orchestra, Musica Corale e Direzione di Coro, bresciano, è stato tra i più importanti compositori bresciani del Novecento e del nuovo millennio; ha insegnato nei Conservatori di Parma, Verona, Bolzano e Brescia, dove è stato per alcuni anni anche Direttore.

Ha composto opere liriche, sinfoniche e si è dedicato in particolare alla musica da camera, eseguita in quasi tutti gli stati d’Europa e in vari Festival internazionali. In veste di direttore ha tenuto numerosi concerti con diverse orchestre ed è stato anche pianista di musica da camera, esibendosi con violoncellisti, clarinettisti e cantanti.

È stato autore per circa quarant’anni di musiche da scena, collaborando con i migliori attori e registi italiani.

Per la sua opera, è stato insignito di numerosi riconoscimenti, tra i quali occorre ricordare la Medaglia d’Oro per Meriti Artistici conferita dal Sindaco di Brescia nel 2006, il titolo di Accademico dell’Ateneo di Brescia e il Premio Mauro Ranieri, assegnato nel 2012.

 

 

Installazione n. 11 “Musica e nuvole”

DANIEL KURNICZAK – GERMANIA

Daniel Kurniczak (nato nel 1985 a Poznań, Polonia) è un compositore e produttore di musica elettronica e orchestrale. Recentemente ha diretto dei progetti di light art ed altri progetti sulla luce.

Dal 2007 Daniel Kurniczak ha pubblicato numerose produzioni musicali proprie e lavori di artisti internazionali (quali l’artista americano Crocheted Olek).

Nel 2014,dopo le prime esperienze musicali in campo teatrale, cinematografico e dei media, ha iniziato la preparazione delle prime colonne sonore per spettacoli di luce e video mapping. Ha infatti  prodotto musica per gli highlight al festival Glow  di Eindhoven (Olanda), Festungsleuchten a Coblenza (Germania) e per il  Festival of lights a Berlino .

Nel 2017 Kurniczak ha creato l’installazione luminosa  Sound Cloud, che è stata esposta al Bloop Festival di Ibiza e all‘Essen Light Festival, entrambi  svoltisi nel 2017.

Installazioni n. 12 “Tunnel” e n. 13 “Le mura parlanti”

AREAODEON – ITALIA

AreaOdeon è un collettivo artistico multimediale attivo da oltre dieci anni.

Il gruppo, da sempre interessato alle potenzialità espressive dei mezzi tecnologici, sotto la direzione di Marcello Arosio, sviluppa progetti di arte pubblica, installazioni interattive di luce e suono, performance audiovisive e 3D mapping, con una particolare sensibilità per l’architettura, gli spazi urbani, la loro riqualificazione e valorizzazione.  www.areaodeon.org

Installazione n. 13 “Le mura parlanti”

ISIDORA TESIC, SCRITTRICE – ITALIA

Isidora Tesic (Brescia, 1996) ha esordito al Festival di Mantova (2014) con il progetto L’Alfabeto dei Fuori Tema, selezionato al concorso Meglio di un romanzo. Nello stesso anno inizia la sua collaborazione poetica con l’artista Giorgio Milani, che porta alla nascita della sezione Intagli, la quale dà corpo alla sua raccolta inedita di liriche brevi Canti ad ombre rare, (Villa Rospigliosi, Lamporecchio, PT, 2016). Dal 2015 scrive per Q Code Magazine, tenendo la rubrica Parole in Esilio, seguita da Battiti per minuto.

Nella XLIV edizione del Premio di Teramo per un racconto inedito (2017), il suo racconto Praskozorje, l’attimo prima che scoppi l’alba è stato selezionato nella rosa dei finalisti.

Come un fiume alla tua sponda (Zephyro Edizioni 2017) è la sua prima raccolta di racconti.

 

 

ELEUTERIA ARENA, CANTAUTRICE – ITALIA
Eleuteria Arena è una cantautrice e violoncellista, polistrumentista (pianoforte, ukulele). Nata e vissuta sulle sponde bresciane del Lago di Garda, le sue radici sono però dalla Sicilia e la Sardegna.

Dal 2013 approfondisce lo studio del canto con Maurizio Zappatini (vocal coach di Elisa, Renga, Ligabue e tanti altri artisti di spicco)

A settembre 2017 pubblica il singolo ‘Brucerei il mare’ estratto dal suo nuovo album in uscita a ottobre per l’etichetta ThisPlay Music, edizioni Cramps.

L’artista parallelamente è molto vicina al mondo della moda, in particolare al marchio PINKO, che la veste nei suoi concerti e videoclip. In questi contesti si esibisce con il gruppo Dissonant (trio formato da Eleuteria al violoncello e voce, Laura Masotto al violino e Mads Dj) con cui suona in tutta Italia e in Europa.

CAMILLA FILIPPI, ATTRICE – ITALIA
Camilla Filippi è attrice e artista visiva bresciana. Debutta giovanissima nella miniserie tv Costanza (1998), regia di Gianluigi Calderone, in cui interpreta il ruolo di Laura. Dopo alcune partecipazioni in varie fiction tv, nel 2003 partecipa al film, ma anche miniserie tv in 4 puntate, La meglio gioventù di Marco Tullio Giordana, in cui interpreta il ruolo di Sara Carati. Nel 2010 entra nel cast delle serie tv di Rai Uno Tutti pazzi per amore 2 dove interpreta Valeria. Dal 2015 interpreta Cristina, moglie del primogenito della famiglia Ferraro, nella fiction di Rai 1 Tutto può succedere.

Nel 2010 gira La vita facile di Lucio Pellegrini con Stefano Accorsi, Pierfrancesco Favino e Vittoria Puccini; Il giorno in più di Massimo Venier, con . Nel 2014 recita in Buoni a nulla di Gianni Di Gregorio (2014) e Banana di Andrea Jublin (2014). Nel 2015 è la protagonista femminile del thriller psicologico In fondo al bosco di Stefano Lodovichi (2015).

Installazione n. 14 “Ecce homo”

SCENA URBANA – ITALIA

Scena Urbana progetta e coordina allestimenti per eventi, spettacoli e mostre. Differenti figure professionali lavorano su elementi come il light design, la scenografia, le installazioni interattive ed il mapping. Offre differenti servizi per l’organizzazione di eventi, dalla direzione tecnica ai responsabili di produzione.

Enrico Ranzanici inizia il proprio percorso impugnando matite e pennarelli.  L’incontro con il mondo degli audiovisivi avviene attorno ai vent’anni quando scopre il potenziale del mezzo che lo porta a sperimentare in svariate direzioni e a sviluppare così un percorso tra documentari, film corporate, cortometraggi, installazioni.

PAOLO GORINI, COMPOSITORE – ITALIA
Paolo Gorini pianista e compositore, vive e lavora ad Amsterdam dove ha ottenuto il Master in pianoforte presso il Conservatorium van Amsterdam. La sua formazione pianistica è fortemente legata ai maestri Mario Boselli, Paolo Bordoni, Andrea Rebaudengo e Emanuela Piemonti. È molto attivo nello studio e nella divulgazione della musica contemporanea. Ha studiato composizione con il M° Mauro Montalbetti.
Installazione n. 15 “Reborn”

HDEMIA S. GIULIA – ITALIA

Dal 1998 Hdemia di Belle Arti di Brescia Santa Giulia opera nell’Alta Formazione Artistica. 10 corsi di I e II livello, 2 percorsi a ciclo unico in Restauro, oltre 400 corsi attivati, 190 docenti, la sede di 8000 mq, una metodologia didattica basata sul “learning on the job”, collaborazioni con 1700 aziende e importanti sinergie istituzionali: questi gli ingredienti messi a disposizione degli studenti per valorizzare la loro voglia di fare, di essere intraprendenti, di vedere oltre.
n. 16 “Albero dei desideri”

RICHARD  ROHRHOF – GERMANIA

Richard Röhrhoff è nato nel 1976 a Mönchengladbach, in Germania. Ha iniziato la sua carriera come reporter di calcio in una stazione radio locale e ha prodotto eventi musicali con particolari coreografie luminose.

Ha iniziato a lavorare nel 2013 al progetto di illuminazione della Fortezza a Coblenza e in numerosi famosi festival di luci nella Germania occidentale.

Nel 2016 ha fondato il festival Essen Light, che dopo soli due anni si è imposta come la principale rassegna di light art della Germania.

 

 

 

Installazione n. 18 “La nuvola”

CAITLIND RC  BROWN & WAYNE GARRETT – CANADA

Caitlind R.C. Brown & Wayne Garrett (Calgary, Canada) lavorano con diversi mezzi e materiali, che spaziano dalla luce artificiale a oggetti urbani ripensati, in genere presentati in combinazione.

Brown e Garrett collaborano regolarmente dal 2011, dopo aver lavorato insieme attraverso il collettivo Arbor Lake Sghool. Il duo sfrutta la combinazione creativa della formazione di Garrett come musicista classico e di quella di Brown come artista presso l’Alberta College of Art and Design.

Loro opere sono state esposte in diversi musei del mondo. Nel 2013, CLOUD (Nuvola) ha ricevuto il premio Innovation by Design di Fast Company (New York).

Installazione n. 19 “Light Tower”

MARCO TAIETTI – ITALIA

Dopo gli studi al Politecnico di Milano e all’Università Cattolica di Brescia, ha approfondito lo studio di Avid, After Effect e ProTools, continuando in parallelo a occuparsi di programmazione luci e sperimentando nuovi tipi di consolle. Dal 2006 al 2015 ha collaborato in modo attivo nella realizzazione di diversi eventi: convention in palazzetti dello sport, meeting in hotel in giro per l’Europa, manifestazioni sportive, di moda, di design, fiere e dirette televisive. Nel 2016 ha dato vita a Mixer, azienda composta da un team creativo per la realizzazione di contenuti digitali ed un team di ricerca e sviluppo per trovare e dare nuove soluzioni di intrattenimento ed interattività al pubblico.

 

 

LA CHIAVE MAGICA: ACCESSO FACILITATO AL CASTELLO

In considerazione dell’alto afflusso al Castello registrato nella prima edizione, CidneON 2018 propone una soluzione per ottenere un accesso facilitato ed evitare le lunghe code. È infatti possibile acquistare attraverso il sito ufficiale, www.CidneON.com e l’App “CidneON” (store di o di Apple), una Chiave Magica che garantisce l’accesso a una Fast Lane.

Il meccanismo è molto semplice:

  1. Si accede a CidneON.com o l’App “CidneON nella sezione FastLane
  2. Si selezionano la data e il numero di Chiavi Magiche;
  3. Si sceglie l’orario di ingresso tra quelli disponibili;
  4. Si inserisce una email e si da conferma.
  5. Effettuato il pagamento si ricevono le Chiavi Magiche all’indirizzo email inserito;
  6. Il documento ricevuto dovrà essere presentato all’ingresso riservato.

Con questa procedura si possono acquistare fino a 20 Chiavi Magiche per un costo unitario di  € 8,00. Per i bambini sotto il metro di altezza e per i portatori di disabilità e loro accompagnatori la chiave è gratuita. Per il pagamento si può procedere con i circuiti Visa o MasterCard e la transazione sarà gestita integralmente dalla piattaforma digitale. Come ulteriore possibilità di acquisto, la Chiave Magica si può trovare presso i negozi Cover Store di Brescia e presso il Bar La Torre (Via san Faustino – Brescia).

Questi gli orari giornalieri della Fast Lane, per tutta la durata di CidneON 2018:

1° slot 18.30-19.00 4° slot 20.00-20.30 7° slot 21.30-22.00
2° slot 19.00-19.30 5° slot 20.30-21.00 8° slot 22.00-22.30
3° slot 19.30-20.00 6° slot 21.00-21.30 9° slot 22.30

 

I possessori della Chiave Magica saranno guidati, attraverso un percorso dedicato, all’ingresso veloce indicato con la scritta Fast Lane dove un operatore controllerà la validità del titolo di accesso (leggendo elettronicamente il codice QR-Code valido per un unico ingresso) e consegnerà fisicamente la Chiave Magica.

L’accesso non è collegato ad un nominativo ed è a tutti gli effetti da considerarsi come un titolo al portatore; pertanto colui che lo possiede ha diritto ad entrare attraverso la Fast Lane.

Per informazioni più dettagliate è possibile contattare uno staff dedicato: Email: [email protected] Tel: +39 030.3732743 Mob: +39 338.7813842

COMITATO AMICI DEL CIDNEO ONLUS

Costituito nel gennaio 2015 da 31 promotori iniziali (ora 91), che occupano ruoli significativi nell’ambito professionale, culturale, economico-imprenditoriale e religioso della città, il Comitato nasce dalla consapevolezza che il Castello di Brescia e il Colle Cidneo sono un unicum nello scenario italiano a livello di dimensioni, ampie aree verdi, posizione al centro della città.

All’inizio del 2015 la gran parte di questi luoghi era però non molto accessibile, poco frequentata o comunque sottovalutata. Il Comitato ha voluto porsi al servizio delle istituzioni competenti come stimolo per la valorizzazione dell’intero complesso e per la sua riappropriazione da parte della cittadinanza bresciana.
Attraverso lo studio e la ricerca, la valorizzazione, la promozione, lo sviluppo economico e commerciale si vogliono ritrovare le molteplici vocazioni del Castello e del Cidneo: museale, naturalistica, sportiva, spettacolare e turistica.
Il Comitato è aperto a tutti i coloro che condividono il desiderio di valorizzare il Castello e il Colle Cidneo: www.amicidelcidneo.it.

Dopo un anno dalla costituzione, nel gennaio 2016, il Comitato ha realizzato il Libro Bianco contenente 30 progetti e proposte per la valorizzazione del Castello e del Colle Cidneo, quale importante contributo di idee e di progetti, presentate alle autorità competenti e a tutta la cittadinanza, con la convinzione e con l’auspicio che il notevole lavoro svolto potesse dare inizio ad un percorso virtuoso e condiviso di valorizzazione del Cidneo.

Nel mese di luglio 2016 il Comitato, su stimolo del Sindaco, ha realizzato e consegnato alle Istituzioni cittadine, il Cronoprogramma dei progetti del Libro Bianco, che ne esprime la programmazione temporale – in base a fattibilità, priorità, criticità, finanziabilità e tempistica di realizzazione – a breve (entro 6 mesi); medio (entro 2 anni) e a lungo termine (oltre 2 anni).
L’importante contributo programmatico non è stato solo un esercizio teorico, una buona parte degli obiettivi risultano già raggiunti oppure sono in fase di realizzazione e/o costituiscono i progetti futuri, anche grazie alle iniziative intraprese da Fondazione Brescia Musei e dal Comune di Brescia.

Tra i progetti del Libro Bianco c’è l’illuminazione del Castello. In tale ambito, nella settimana di San Faustino del 2017 il Comitato ha promosso e realizzato, con la collaborazione di Cieli Vibranti e di Robbert ten Caten – Segretario di I.L.O. International Light Festival Organisation, la prima edizione del Festival internazionale delle luci in Castello denominato CidneON, ovvero: “accendere il Castello”, che ha riscontrato un successo clamoroso ed ha consentito di risvegliare una grande attenzione sul Castello.

L’edizione 2018 sarà promossa dal Comitato Amici del Cidneo, con la Direzione Artistica dell’associazione Cieli Vibranti, la supervisione di I.L.O. e verrà organizzata dalla Società UP! Srl.

L'edizione 2017 del Festival delle luci CidneOn. Foto da pagina ufficiale di Facebook - www.bsnews.it
http://www.bsnews.it/2017/02/09/la-liberta-del-nord-bossi-ne-parla-brescia-arrighini-comencini/

ASSOCIAZIONE CIELI VIBRANTI – DIREZIONE ARTISTICA CIDNEON 2018

L’Associazione culturale Cieli Vibranti nasce nel 2011 per favorire la promozione, la sensibilizzazione e la diffusione della cultura e dell’arte, attraverso l’organizzazione e la promozione di eventi culturali, manifestazioni, convegni, dibattiti, mostre e seminari.

L’Associazione, coordinata da Fabio Larovere e Andrea Faini, realizza progetti culturali capaci di coniugare la valorizzazione delle potenzialità ed energie del territorio con una vocazione europea ed internazionale, attenta alle più recenti evoluzioni dei linguaggi artistici.

Tra le iniziative, promosse in tutta Italia, i festival “I volti del Romanino. Rabbia e fede”, “Suonami! Piazza che vai, pianoforte che trovi”, “Metro…”, “Padernello Jazz”.

Cura la direzione artistica di “CidneOn Festival Internazionale delle Luci”, di cui ha condiviso l’ideazione con il Comitato Amici del Cidneo ONLUS

INTERNATIONAL LIGHT FESTIVAL ORGANIZATION (ILO

Dal 2017, CidneON fa parte della rete internazionale di Festival delle luci “ILO” (International Light Festival Organization), che comprende Festival del calibro di: FêtedesLumières (Lione), Illuminart (Montréal), Signal (Praga), GLOW (Eindhoven), etc.

ILO, di cui è segretario RobbertTenCaten, supervisore artistico di CidneON, è l’occasione per condividere esperienze e collaborare nella ricerca e sviluppo di nuovi progetti artistici legati alla luce, nel segno di una cooperazione di respiro europeo e internazionale. Brescia, grazie a CidneON, è la prima città italiana invitata a far parte della rete ILO.

Attualmente i membri di “ILO” sono i seguenti:

Nazione Città Nome Festival
Belgio Gent Lichtfestival Gent
Brasile Rio de Janeiro Rio Mapping Festival
Canada Montreal Illuminart
Festival itinerante Festival itinerante Kernel Lightfestival
Finlandia Helsinki Lux Helsinki
Francia Lione Fete des Lumieres
Germania Essen Essen Lightfestival
Israele Gerusalemme Jerusalem Lightfestival
Italia Brescia CidneON
Lettonia Riga Staro Riga
Messico Città del Messico Filux
Nuova Zelanda Wellington Lux Wellington
Olanda Eindhoven GLOW
Polonia Torun Bella Skyway
Portogallo Cascais Lumina
Regno Unito Durham Lumiere
Repubblica Ceca Praga Signal
Singapore Singapore I light Marina Bay
Svizzera Losanna Lausanne Lumieres

 

Brescia, con CidneON è stata ammessa in I.L.O. insieme alle grandi metropoli di Singapore e Rio de Janeiro

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome