Gori annuncia un assessorato alla montagna, Tomasi in pole

Il candidato alla presidenza della Regione Lombardia Giorgio Gori, intervenendo oggi a Milano a un incontro di Confagricoltura Lombardia con tutti i candidati, ha rivelato la sua intenzione

0
Il sindaco di Bergamo Giorgio Gori
Il sindaco di Bergamo Giorgio Gori

Il candidato alla presidenza della Regione Lombardia Giorgio Gori, intervenendo oggi a Milano a un incontro di Confagricoltura Lombardia con tutti i candidati, ha annunciato che è sua intenzione costituire un assessorato regionale alla montagna. E – secondo le indiscrezioni – l’incarico più ambito (o almeno quello di sottosegretario) potrebbe andare proprio a un bresciano: il camuno (ex Pd) Corrado Tomasi, fondatore della lista per le Autonomie.

“Se toccherà a noi governare, la Regione avrà un assessore alla Montagna – ha dichiarato Gori – con tutte le competenze che in qualche modo riconoscano la specificità dei territori montani, che sono il 40% dei territori della Regione. L’assessorato avrà competenza sulla forestazione, le risorse idriche, il turismo e l’autonomia dei territori montani e sull’agricoltura di montagna. Gli investimenti sulla montagna, relativamente alle politiche forestali, all’agricoltura e agli impianti, in questi anni sono stati brutalmente ridotti, anche dell’80%. C’è, quindi, anche un tema di risorse – ha aggiunto il candidato presidente – perché la Regione Lombardia riconosce i canoni idrici solo alla provincia di Sondrio. Una cosa senza senso, visto che i territori montani sono anche in provincia di Como, Varese, Lecco, Bergamo e Brescia”.

Comments

comments

LEAVE A REPLY