Treno deragliato: cordoglio, ritardi e polemiche contro Trenord

L'azienda esprime cordoglio, ma i ritardi e le comunicazioni di Trenord sulle vittime hanno mandato su tutte le furie i pendolari bresciani

0
Il tabellone dei ritardi del treno questa mattina alla Stazione di Brescia
Il tabellone dei ritardi del treno alla Stazione di Brescia (foto d'archivio)

“Il nostro pensiero e il nostro cordoglio vanno innanzitutto alle famiglie delle vittime; esprimiamo la nostra vicinanza ai feriti e a tutte le persone che erano a bordo del treno”. A dirlo, in una nota, è dell’amministratore delegato di Trenord, Cinzia Farisè, che commenta così l’incidente del treno partito da Cremona e diretto a Milano Porta Garibaldi.

“Secondo i primi accertamenti tecnici – si legge – il treno 10452 (Cremona 5.32-Milano Porta Garibaldi 7.24) stava transitando regolarmente dalla stazione di Pioltello quando le ultime tre carrozze sono uscite dai binari. Rete Ferroviaria Italiana, responsabile dell’infrastruttura, sta valutando le ragioni dell’uscita dai binari”.

Ma la spiegazione non basta a placare le polemiche contro Trenord, accusata di avere standard qualitativi troppo bassi e di aver dato notizia dell’incidente minimizzando l’accaduto. In un tweet, infatti, l’azienda aveva parlato di “inconveniente tecnico”. Morti, hanno ribattuto i pendolari infuriati.

E nel frattempo i disagi per chi viaggia sono stati pesanti. I treni lungo la linea Milano-Venezia, infatti, hanno registrato cancellazioni e ritardi anche di diverse ore. Trenitalia e Trenord hanno attivato un servizio sostitutivo di bus da e per Milano e Verona.

 

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome