Pallanuoto, l’An Brescia affonda anche Catania: finisce 20-4

Affonda i colpi, l’An Brescia, nella prima di ritorno: contro il Seleco Nuoto Catania, il sette di Sandro Bovo fa segnare un 20 a 4 (5-1, 6-2, 6-0, 3-1, i parziali) che racconta in modo chiaro l’andamento del match

0
Ranzanici, An Brescia, al momento del rigore, foto Edoardo Perlotti.
Ranzanici, An Brescia, al momento del rigore, foto Edoardo Perlotti.

Affonda i colpi, l’, nella prima di ritorno: contro il Seleco Nuoto Catania, il sette di Sandro Bovo fa segnare un 20 a 4 (5-1, 6-2, 6-0, 3-1, i parziali) che racconta in modo chiaro l’andamento del match. Con Morretti in porta fin dal primo minuto, l’An mantiene alla perfezione le consegne della vigilia: massima attenzione in difesa e concretezza nello sfruttare le occasioni sotto porta. Volendo riassumere, da parte delle calottine bresciane, pochi fronzoli e grande sostanza, in un incontro in cui ogni volta che si è voluto pigiare sull’acceleratore, gli esiti sono stati più che soddisfacenti. Può anche darsi che la perfomance dei padroni di casa sia stata, in qualche modo, agevolata dal fatto che i catanesi (in dodici a referto), all’ultimo minuto, abbiano dovuto rinunciare a Kovacic (infortunio alla gamba per lo spalatino), ma la qualità della prova biancazzurra è fuori discussione e, al di là del punteggio finale, i dati numerici sono piuttosto eloquenti: zero espulsioni concesse agli avversari, delle quattro reti subite, una su rigore, 4 su 6 le superiorità (4 su 4 all’inizio dell’ultima frazione), e in gran spolvero i fratelli Presciutti, 5 i sigilli del capitano e 4 quattro quelli di Nicholas. A completare il quadro delle note positive, l’esordio in prima squadra di Rocco Ranzanici (classe 2002), schierato al posto del non ancora recuperato Manzi: bravo il giovane Under 17 a dare il proprio contributo e nel mantenere la giusta freddezza al momento di tirare il rigore concesso dall’arbitro Gomez per fallo grave su Muslim.

«Sono molto contento – dice a caldo Ranzanici -, per tutti noi del vivaio, l’obiettivo principale è arrivare in prima squadra e oggi è toccato a me: all’inizio l’emozione era parecchia, poi, un po’ alla volta e grazie soprattutto all’aiuto dei compagni, il momento critico è passato e, quando sono entrato in acqua, ero nel giusto stato d’animo. Sono felicissimo per aver realizzato il rigore: da fuori, sembra facile, ma assicuro che non è così. Per il resto, direi che abbiamo giocato bene, seguendo le indicazioni del tecnico, ovvero curare la difesa e sfruttare con lucidità le opportunità da rete».

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome