La protesta - Foto di Essere Animali
La protesta - Foto di Essere Animali

Questa mattina azione lampo degli attivisti dell’associazione Essere Animali nella metropolitana a Brescia. Un enorme striscione è stato esposto all’interno della stazione San Faustino con un messaggio diretto alla chiusura degli allevamenti da pelliccia in Italia.

Per le elezioni politiche l’associazione Essere Animali ha lanciato la campagna “160.000 visoni da salvare”, una massiccia iniziativa per chiedere ai principali partiti e ai loro candidati di sostenere il divieto di allevamento di animali da pelliccia.

“Alla base delle nostre richieste vi sono solide motivazioni scientifiche e ambientali, nonché i presupposti sociali. Molti paesi europei li hanno già vietati, ora chiediamo un impegno per un divieto anche in Italia.”

Gli ultimi sondaggi Eurispes confermano come oltre l’86% degli italiani sia favorevole all’introduzione del divieto di allevamento di animali da pelliccia.

Fino al 4 marzo, giorno delle elezioni, l’associazione Essere Animali solleciterà , Forza Italia, Lega, Fratelli D’Italia e i loro rispettivi candidati, affinché si esprimano sin da ora a sostegno delle future proposte di Legge che saranno depositate per chiudere gli allevamenti da pelliccia.

Movimento 5 Stelle e Liberi e Uguali hanno già risposto positivamente all’appello e adesioni singole sono arrivate all’associazione da candidati di altri partiti.

Sulla piattaforma www.160mila.it è possibile firmare una petizione diretta alle forze politiche, ma anche conoscere le posizioni costantemente aggiornate di partiti e candidati.

 

“Essere Animali” è un’associazione che realizza coraggiose indagini per mostrare le condizioni degli animali negli allevamenti intensivi e nei macelli. Le nostre campagne spingono istituzioni e aziende a intraprendere politiche in favore dei diritti animali e ispirano sempre più persone verso scelte alimentari consapevoli.

 

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome