Treni, Girelli, Manzoni e Ringhini (Pd): bisogna cambiare marcia

Si è tenuta questa mattina alla stazione di Brescia la conferenza stampa dell'assessore Federico Manzoni e dei candidati del PD con Gori alle elezioni regionali Elena Ringhini e Gian Antonio Girelli

0
Sulla Brescia Milano in servizio due nuovi treni Vivalto, foto da ufficio stampa
Sulla Brescia Milano in servizio due nuovi treni Vivalto, foto da ufficio stampa

Si è tenuta questa mattina alla stazione di Brescia la conferenza stampa dell’assessore Federico Manzoni e dei candidati del PD con Gori alle elezioni regionali Elena Ringhini e Gian Antonio Girelli.

L’assessore Manzoni ha spiegato i motivi dell’iniziativa “Abbiamo deciso di volantinare, anche sotto la neve, per sensibilizzare i pendolari rispetto ai tanti problemi che la gestione regionale del TPL ha mostrato in questi anni con particolare riferimento alla nostra città, è necessario un cambio di rotta e un diverso approccio alle tante problematiche che affliggono il sistema ferroviario lombardo. Il potenziamento dei servizi regionali e interregionali non è più rinviabile”

Ha fatto eco alle parole dell’assessore comunale Elena Ringhini che ha voluto evidenziare “come la questione delle stazioni periferiche della nostra provincia è li tutta da vedere, luoghi abbandonati e spesso mal serviti, come ad esempio la stazione di Ponte San Marco che è prevede la fermata di un solo treno al giorno. Nel programma di Gori le stazioni devono tornare ad essere luoghi da vivere, così da scongiurare anche lo stato di abbandono e degrado in cui versano”

Infine il Consigliere regionale Gian Antonio Girelli si è soffermato sulla mancanze di Regione Lombardia: “l’attivazione dei nuovi servizi Brescia Milano promessi per settembre 2017 sono un miraggio nel deserto. La mancata programmazione della Regione è sotto gli occhi di tutti, con un po’ di programmazione e senza spendere una lira si potrebbe migliorare il servizio sia sulla Brescia Milano che sulle altre tratte (Bergamo, Cremona, Parma) per poi presentarsi alla scadenza del 2020 con una vera gara europea che impegni il vincitore, finalmente, a rispettare gli impegni sul rinnovo del parco rotabile.”

 

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome