La verità sulla legge elettorale | LETTERA A BSNEWS

Troppe Fake news nella stampa italiana: la nuova legge elettorale non prevede soglie che facciano scattare automaticamente premi di maggioranza - LETTERA DI FRANCO TOLOTTI

2
La rubrica delle lettere al direttore di BsNews.it
La rubrica delle lettere al direttore di BsNews.it

Caro direttore,

La diffusione e il proliferare di fake news è tra i temi più scottanti e controversi della campagna elettorale giunta ormai agli sgoccioli: facendo spesso riferimento al precedente delle americane, molti autorevoli “opinionisti” – politici, semiologi, giornalisti – hanno richiamato l’attenzione sul pericolo di ingerenze e condizionamenti esterni in grado di influenzare il voto del 4 marzo, anche attraverso l’utilizzo virale di fake news.

Analoga attenzione non è stata posta però nei confronti di notizie farlocche spacciate per verità incontestabili da alcuni protagonisti della scena politica nostrana: è il caso, per esempio, della vulgata secondo cui la lista o la coalizione che fosse in grado di raggiungere il 40% dei consensi sarebbe in grado di governare da sola, sulla base di una autosufficiente maggioranza dei seggi. E’ quanto hanno sostenuto più volte i leaders della coalizione di centro-destra – da Berlusconi a Salvini a Meloni –  e ha ribadito con convinzione Luigi Di Maio all’atto della presentazione del fantomatico governo dei 5 Stelle

Ebbene, trattasi di un vero e proprio fake: la nuova legge elettorale – il cosiddetto “Rosatellum” – non prevede soglie che facciano scattare automaticamente premi di maggioranza, essendo basato su un meccanismo che elegge i due terzi dei componenti di Camera e Senato attraverso un voto proporzionale in collegi plurinominali e il restante terzo con voto maggioritario in collegi uninominali.

Una lista che conseguisse il 40 dei voti per la Camera dei Deputati si assicurerebbe all’incirca 150-155 seggi nella quota proporzionale e dovrebbe vincere almeno 160-165 seggi uninominali – su 232 a disposizione – per toccare quota 316, cioè la maggioranza più uno dei 630 seggi della Camera; analogo discorso, a cifre sostanzialmente dimezzate, si può fare per il Senato. E’ facile vedere come il 40% sulla quota maggioritaria – tanto più se distribuito non omogeneamente sul territorio nazionale – non sia automaticamente in grado di assicurare tale risultato, tanto più che i sondaggi concordano nel riscontrare una non omogenea distribuzione del voto delle principali liste e coalizioni sul territorio nazionale, indicando il centro-destra come favorito al Nord, il centro-sinistra in vantaggio nelle tradizionali regioni “rosse” e i 5 Stelle particolarmente forti al Sud.

Il fatto che una così grossolana imprecisione, per usare un eufemismo, abbia potuto diffondersi senza smentita e sia stata acriticamente spesso accolta anche da parte di giornalisti seri e solitamente ben documentati (si veda per es. Mattia Feltri su La Stampa di oggi) non è certo garanzia di quella trasparenza e correttezza che dovrebbero essere prerequisiti di un voto consapevole e democratico.

Comments

comments

2 Commenti

  1. Franco Tolotti, una brava persona, segnala la mancata correttezza e trasparenza nel parlare oggi di legge elettorale e maggioranze da parte di media e politici, mentre a mancare di correttezza e trasparenza nei confronti di tutti gli italiani è stato chi, cioè il Partito Democratico renziano d’intesa con Berlusconi, ha partorito questo sfregio all’esercizio della democrazia rappresentativa denominato Rosatellum bis. Uno sfregio, perchè il fine primo è proprio quello di…non creare una maggioranza parlamentare per opzionare il giorno dopo o le “larghe intese” o un Governo del Presidente o un Governo tecnico, come quello, sventurato, che anocra ricordiamo, di Mario Monti e della Fornero. In quanto alla quota 316, sappiamo bene che venendo da una legislatura con ben 546 passaggi da un Gruppo all’altro (!) di parlamentari, è molto semplice trovare chi, all’atto come eletto della dichiarazione di collocazione in un Gruppo, si renda disponibile a pasare da qua a là in cambio di “qualcosa”. E così, come Verdini ha spiegato a chiare lettere alcune sere fa in tv, il 5 marzo si aprirà la “caccia ai transfughi” e sarà tutt’altro che impossibile trovare una maggioranza trasversale in barba al risultato elettorale. Insomma, caro Tolotti, se la prenda prima di tutto e alla grande con i suoi amici piddini e, come ex-parlamentare di centrosinistra, ci dica invece che…mala tempora currunt per il Paese e per la democrazia.

  2. Infatti. Il compagno Tolotti, come il suo amico e compagno Bragaglio, trattano il tema sempre e solo evidenziando i difetti degli altri. Ditelo chiaro che voi, come Berlusconi, avete fatto una legge elettorale ad hoc per impedire ai cinque stelle di governare. L’abbiamo capito tutti ormai e spero che la gente se ne ricorderà quando sarà in cabina elettorale.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome