Treno in ritardo di 4 ore: i pendolari scendono e vanno a piedi

Ennesima giornata di passione per i pendolari bresciani. Un guasto, infatti, ha provocato disagi fino a quattro ore lungo tutta l'asse fra Milano e Venezia, con rallentamenti significativi per 10 Frecce, 2 Eurocity e 10 regionali e la cancellazione di 6 treni regionali

0
Pendolari esasperati
Pendolari esasperati, foto generica dal web

Ennesima giornata di passione per i pendolari bresciani. Un guasto, infatti, ha provocato disagi fino a quattro ore lungo tutta l’asse fra Milano e Venezia, con rallentamenti significativi per 10 Frecce, 2 Eurocity e 10 regionali e la cancellazione di 6 treni regionali.

All’origine dei disagi, secondo alcuni, ci sarebbe un guasto al sistema frenante sul regionale 2091, che sarebbe dovuto partire alle 15.25 dalla Stazione centrale di Milano (ed è partito con una 20ina di minuti di ritardo) per arrivare un’ora dopo a Brescia. I circa 600 pendolari a bordo, però, sono arrivati alla meta soltanto alle 21.15, rimanendo bloccati – imprigionati – per ore all’altezza della stazione di Melzo. Tanto che alcuni pendolari esasperati – così riferisce un testimone – sarebbero usciti dal treno passando dal finestrino per percorrere a piedi le poche centinaia di metri che li separavano dalla prima stazione, inseguiti dalle forze dell’ordine che li invitavano a rientrare.

Sarebbe questo uno dei motivi per cui l’intera circolazione ferroviaria ha subito un pesante stop.

 

La situazione si è sbloccata soltanto alle 20.15, quando la linea è stata liberata e i viaggiatori, ormai disperati, sono stati fatti salire su un secondo treno. Significativi ritardi si sono registrati sul treno 2077 per Verona (150 minuti), sul 10660 per Novara 150 minuti e sul 23064 per Gallarate (130 minuti).

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome