Le cinque cose da non perdere a Iseo | I CONSIGLI DI BSNEWS

1
La centralissima piazza Garibaldi di Iseo
La centralissima piazza Garibaldi di Iseo

Iseo si trova a circa 20 km. da Brescia ed è uno dei più importanti luoghi turistici di tutta la provincia. Il , o lago Sebino, rappresenta una delle più importanti risorse del bresciano, a vari livelli. Innanzitutto per l’economia turistica in quanto è una zona particolarmente suggestiva, che regala panorami incantevoli e un’atmosfera che coniuga la voglia di tranquillità delle famiglie con quella di divertirsi dei giovani. Inoltre, la zona è molto ben attrezzata con alberghi, campeggi e villaggi, tra i quali è semplice trovare la soluzione vacanze adeguata alle proprie specifiche esigenze. In secondo luogo, il lago d’Iseo è particolarmente ricco di pesci, base della tradizione enogastronomica della zona. Da ricordare, a tal proposito, alcuni piatti punta di diamante dei ristoranti e delle trattorie locali, come ad esempio la tinca al forno tipica di Clusane e il luccio. Non meno gustosa, e da provare assolutamente se si sta villeggiando sul lago d’Iseo, la frittura di aole o aoline, minuscoli pesciolini molto teneri, di cui si mangia tutto. La vicina Franciacorta offre, inoltre, una selezione raffinatissima di vini tanto da tavola quanto da aperitivo, dolce o meditazione. Una menzione particolare va anche al Valcalepio bianco DOC, al Valcalepio passito e al Curtefranca DOC bianco: tre etichette prestigiose tipiche di Iseo e limitrofi.

Cosa vedere a Iseo?

Se si sta trascorrendo una vacanza a Iseo, o nelle vicinanze, si potranno apprezzare innanzitutto i paesaggi naturali, poco modificati dall’uomo e in alcuni punti piacevolmente selvaggi e rurali, ad esempio in zona Torbiere, dove chi ama il bird watching potrà ottenere molte soddisfazioni da questo punto di vista. Ma non vanno dimenticate le opere architettoniche, dalle chiese fino ad arrivare alla caratteristica piazza Garibaldi di Iseo, in cui svetta una statua dell’Eroe dei due mondi. Il clima lacustre è piuttosto piacevole, caratterizzato da giornate calde e spesso piacevolmente ventose e serate più fresche, a volte umide.

Top 5: i migliori luoghi di Iseo

1. Il lungolago di Iseo:

si tratta del cuore del paese, una lunga passeggiata a bordo lago, che offre diversi spunti di divertimento. Sul lato opposto, infatti, sfilano in alternanza negozi, bar, gelaterie e sale giochi. Durante il giorno, e d’estate anche la sera, è una zona perfetta per lo shopping. Dall’ora dell’aperitivo in poi inizia la movida. I ragazzi, generalmente, si danno appuntamento proprio sul lungolago, formando capannelli o divertendosi a fare quelle che in dialetto vengono chiamate “le vasche”, ossia percorrere avanti e indietro il lungolago alla ricerca di nuove amicizie. Dai locali si diffonde piacevolmente della buona musica e, molto spesso, il Comune ingaggia gruppi musicali che suonano e cantano dal vivo. Le luminarie, artisticamente disposte lungo tutto il viale principale, contribuiscono a creare un’atmosfera festosa e romantica allo stesso tempo. È davvero il caso di dire che, soprattutto in estate, il lungolago di Iseo si trasforma in un immenso locale notturno a cielo aperto, perfetto sia per i giovani alla ricerca di emozioni e divertimento sia per le famiglie o le coppie che desiderano rilassarsi e trascorrere serate tranquille e piacevoli, magari assaggiando il miglior gelato della zona presso una delle tante gelaterie artigianali di Iseo.

Il lungolago di Iseo
Il lungolago di Iseo

2. Santuario della Madonna della Neve:

gli abitanti di Iseo sono particolarmente devoti alla Madonna della Neve, per la quale organizzano ogni anno lunghi festeggiamenti. La Madonna della Neve viene ricordata il 5 agosto, in memoria della sua apparizione, ma generalmente la festa dura tutta la settimana. Per l’occasione vengono celebrate Messe speciali, organizzate delle processioni e delle sagre che prevedono stand eno-gastronomici ricchi soprattutto di piatti tipici e prodotti locali. Il Santuario sorge in Via Madonna della Neve, risale al 1655, quando gli iseani decisero di abbattere la Chiesa di Santo Stefano per realizzare questa struttura in onore della Vergine. Il Santuario ha un’architettura semplice e lineare, che mette in risalto il bellissimo portale barocco e l’affresco che rappresenta la Madonna insieme a Sant’Antonio Abate. I fedeli credono che pregare di fronte a questo dipinto sia utile per ottenere grazie e miracoli. Le piccole cappelle all’interno del Santuario presentano delle meravigliose decorazioni barocche.

Il santuario della Madonna della Neve a Iseo
Il santuario della Madonna della Neve a Iseo

3. Chiesa di Santa Maria del Mercato:

si tratta di una piccola chiesa, che però regala suggestioni ed emozioni non indifferenti. È detta anche Chiesa Oldofredi perché sorge su un territorio che era, una volta, di proprietà di questa importante famiglia feudataria. L’interno è ricco di affreschi di Voltolini, un importante pittore iseano del ‘700 e rappresentano, tra le altre cose, il ciclo della Passione di Cristo. Anche la chiesetta del mercato è decorata con stucchi barocchi di grande pregio artistico e storico.

La chiesa di Santa Maria del Mercato a Iseo
La chiesa di Santa Maria del Mercato a Iseo

4. Pieve di Sant’Andrea:

una chiesa tardo-antica, di epoca romanica, probabilmente risalente al V secolo e rinnovata svariate volte. L’ultimo rifacimento sembrerebbe risalire agli inizi del ‘700. L’aspetto fa pensare all’arte funeraria romana, infatti all’interno della Chiesa si trova un’ampia cripta, probabilmente utilizzata anticamente come cimitero. Molto bello il campanile che, nella sua semplicità, ricorda lo stereotipo della chiesa d’altri tempi. All’interno della Pieve sono conservate opere di grande valore, tra le quali è d’obbligo menzionare “la Madonna col Bambino” risalente al 1300, le tele di San Francesco e “l’Ultima Cena” di Domenighini.

La pieve di Sant'Andrea a Iseo
La pieve di Sant’Andrea a Iseo

5. Antica Strada Valeriana:

si tratta di un percorso di trekking, per chi vuole inserire nel suo itinerario di vacanze una giornata all’insegna dello sport all’aria aperta e dei paesaggi naturali. La camminata può partire da vari luoghi da Pilzone (frazione di Iseo) a Marone e può arrivare fino alle piramidi di Zone di Pisogne. Il percorso è piuttosto facile, adatto sia ad esperti camminatori sia a chi desidera semplicemente passeggiare. Il terreno è collinare e presenta salite e discese dolci. Durante il cammino si può godere di una vista mozzafiato sul lago, sulle vigne di Franciacorta, sulle Torbiere. Il primo tratto, davvero semplice e pianeggiante, è percorribile addirittura da passeggini o carrozzine e perfetto anche per i bimbi.

L'antica via Valeriana parte da Pilzone di Iseo e arriva a Pisogne
L’antica via Valeriana parte da Pilzone di Iseo e arriva a Pisogne

Comments

comments

1 COMMENT

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome