Dal supermercato ai voli aerei: ecco come la blockchain cambierà le nostre vite

In questo periodo uno degli argomenti più trattati nel campo delle nuove tecnologie è quello della blockchain, il meccanismo di crittografia avanzata a tutela dei dati informatici alla base della nascita delle più famose criptovalute. Ma di cosa si tratta?

0
Photo by Make-someones-day / CC BY 0
Photo by Make-someones-day / CC BY 0

In questo periodo uno degli argomenti più trattati nel campo delle nuove tecnologie è quello della blockchain, il meccanismo di crittografia avanzata a tutela dei dati informatici alla base della nascita delle più famose criptovalute. Ma di cosa si tratta? E questa innovazione come sta modificando e come cambierà le nostre vite quotidiane?

Una delle spiegazioni più esaustive arriva proprio dalla provincia di Brescia dove Sfida Italia 4.0, la digital factory nata come punto di riferimento per la digitalizzazione delle Pmi italiane, ha appena presentato una macchina dimostrativa per spiegare e mostrare l’attività di mining di criptovalute. Si tratta di un dispositivo costituito da sei schede video collegate tra loro che grazie alla potenza di calcolo permette di contribuire alla certificazione delle transazioni delle blockchain che, una volta verificate, danno vita al processo di mining e alla produzione di nuovi coin. Un metodo per toccare “con mano” una delle applicazioni concrete del nuovo sistema di crittografia.

Quella del mining e della produzione di moneta virtuale è solo una delle possibili applicazioni della tecnologia blockchain, un sistema di crittografia a blocchi che promette di aumentare la sicurezza delle transazioni in rete e di cambiare per sempre la nostra vita quotidiana.

E lo sta già facendo. In questi giorni è emersa la notizia che la catena di supermercati francese Carrefour ha deciso di investire una parte del budget dedicato a informazione e ricerca sullo sviluppo di soluzioni blockchain per creare nuovi sistemi di tracciabilità dei prodotti. È proprio la struttura a blocchi di dati immodificabili che può essere utilizzata nel settore logistico del food per far sì che ogni componente della catena di distribuzione (produttori, trasformatori, distributori e consumatori) fornisca informazioni relative al suo ruolo e alla validità del servizio.

La stessa struttura di blocchi immodificabili che in tempi recenti ha permesso la nascita di piattaforme di gioco come CoinPoker che utilizzano la blockchain per creare contratti intelligenti che garantiscono la sicurezza degli utenti, dei loro portafogli elettronici e la massima trasparenza nelle transazioni. Due delle esigenze più sentite nel mondo del gaming online.

Nei prossimi mesi viaggiare in aereo potrebbe diventare ancora più facile. E questo grazie alla tecnologia blockchain che renderà i nostri smartphone dei veri e propri passaporti. Di questo e altro si discuteva già durante l’Air Transport It Summit di Barcellona del 2016. Fu proprio in quell’occasione che il direttore di Sita Lab, Renaud Irminger, presentò l’innovativo progetto: quello di fornire ai passeggeri una chiavetta portatile in grado di memorizzare in digitale passaporto, visto e documento d’identità. Tempo di realizzazione stimato in 5 anni.

La blockchain trova importanti applicazioni già oggi anche nel settore della logistica navale. Un consorzio internazionale composto da Accenture, InBev, Kuehne – Nagel, APL e un’associazione doganale europea, ha appena terminato la fase di sperimentazione di una soluzione blockchain in grado di eliminare i documenti di spedizione, garantendo risparmi al settore sull’ordine di centinaia di milioni di dollari l’anno. Un nuovo modo di scambiare documenti in tutta sicurezza che permetterà l’abbandono della carta e ridurrà l’immissione di dati anche dell’80%, diminuendo i tempi e snellendo in maniera drastica le procedure burocratiche.

Non mancano anche iniziative legate al mondo del sociale che sfruttano blockchain e criptovalute. L’ultima arrivata tra le monete virtuali si chiama AidCoin, è nata in Italia ed è legata al progetto di beneficenza CharityStars, il portale che mette all’asta oggetti e incontri con personaggi famosi i cui introiti vengono devoluti per cause benefiche. La prima criptomoneta dedicata al no-profit e che rende visibile il percorso di ogni donazione. Un’iniziativa importante e ambiziosa che ha come obiettivo quello di sfruttare i vantaggi della nuova crittografia per rendere i versamenti in beneficienza più tracciabili e trasparenti.

 

 

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome