Calcinato, sale pubbliche concesse anche ai post fascisti

A deciderlo è stata la maggioranza di centrodestra (Lega, Forza Italia e civici), che ha bocciato la mozione presentata dall'opposizione Bene Comune in cui si chiedeva di vietare "l'utilizzo delle sale civiche a gruppi e persone che perseguano la riorganizzazione sotto qualsiasi forma del disciolto partito fascista

0
Forza Nuova ha una sede bresciana
Forza Nuova ha una sede bresciana

Le sale civiche di Calcinato continueranno a essere concesse a tutti coloro che sono in possesso dei requisiti fissati dal Comune, tra cui però non c’è il divieto per coloro che si richiamano esplicitamente al e a valori contrari alla costituzione.

A deciderlo – secondo quanto riportato da – è stata la maggioranza di centrodestra (, e civici), che ha bocciato la mozione presentata – sulla scia da quanto avviene già a Brescia e in altri paesi – dall’opposizione Bene Comune in cui si chiedeva di vietare “l’utilizzo delle sale civiche a gruppi e persone che perseguano la riorganizzazione sotto qualsiasi forma del disciolto partito fascista, ovvero diffondano in qualsiasi modo idee fondate sulla superiorità o sull’odio razziale o etnico, o incitino a commettere o commettano violenza o atti di provocazione alla violenza o atti di discriminazione per motivi razziali, etnici, nazionali o religiosi”.

La minoranza, con l’, ha deciso quindi di scendere in piazza per protestare, organizzando per domenica alle 11 un presidio nella piazza del municipio.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome