Anziane rapinate in casa da due stranieri: paura nella Bassa

Ghedi torna al centro dei riflettori per un episodio poco edificante. A pochi giorni del servizio della trasmissione televisiva Le Iene sui cosiddetti "vicini da incubo", infatti, il Comune basaiolo è protagonista di un altra vicenda non positiva

0
Aggressione, rapina i casa: foto generica dal Web
Aggressione, rapina i casa: foto generica dal Web

Ghedi torna al centro dei riflettori per un episodio poco edificante. A pochi giorni del servizio della trasmissione televisiva Le Iene sui cosiddetti “vicini da incubo” (su cui farà eventualmente luce la magistratura), infatti, il Comune basaiolo è protagonista di un altra vicenda non positiva.

RAPINA IN CASA A GHEDI

Nella serata di ieri, infatti, due donne anziane sono state vittime di una rapina mentre si trovavano – “tranquille” – all’interno della propria abitazione. Gli autori del colpo sarebbero due marocchini già notati in zona: avrebbero scavalcato la recinzione della loro abitazione per poi bussare alla porta. Era sera e piovigginava: per qualche strana ragione (forse per un gesto automatico, forse ingannate da qualcosa detto dai rapinatori) le padrone di casa hanno aperto la porta senza nemmeno chiedere chi ci fosse dall’altra parte.

La 60enne e la madre – ultraottantenne e malata – sono state subito spintonate, minacciate con delle forbici e zittite dai due stranieri, che si sono introdotti nell’abitazione e hanno iniziato a far razzia di oggetti preziosi e gioielli. Poche cose, comprese le catenine indossate dalle donne.

I SOSPETTATI

Quindi i maltiventi si sono allontanati e le vittime hanno chiamato i carabinieri della locale stazione, che hanno subito iniziato le indagini. Il sospetto è che i predatori siano due giovani di origine nordafricana – 20enni già noti in zona e protagonisti di una rissa al bar – che si sarebbero improvvisati rapinatori. Per loro è scattato il fermo, convalidato dal Giudice per le indagini preliminari.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome