Comuni e unioni in ritardo sui bilanci: in 14 a rischio di scioglimento

Gli inadempienti sono: Azzano Mella, Cigole, Cividate Camuno, Edolo, Fiesse, Flero, Gargnano, Lavenone, Ponte di Legno, Sellero e Tremosine. Ma anche l'Unione Antichi Borghi della Val Camonica, l'Unione Ceto Cimbergo Paspardo e l'Unione della Media Val Camonica

0
Il nuovo prefetto di Brescia Annunziato Varde
Il nuovo prefetto di Brescia Annunziato Varde

Azzano Mella, Cigole, Cividate Camuno, Edolo, Fiesse, Flero, Gargnano, Lavenone, Ponte di Legno, Sellero e Tremosine. Ma anche l’Unione Antichi Borghi della Val Camonica, l’Unione Ceto Cimbergo Paspardo e l’Unione della Media Val Camonica. Sono tredici le amministrazioni comunali bresciane, e le aggregazioni, che rischiano il commissariamento.

A renderlo noto è un comunicato inviato oggi dal Prefetto Annunziato Vardè. Nella nota si elencano le realtà che non hanno ancora presentato il bilancio 2018 e si sottolinea che il prefetto “ha assegnato ulteriori 20 giorni ai rispettivi consigli e assemblee per deliberarne l’approvazione”. Decorso questo termine “saranno avviate le procedure di scioglimento degli organi elettivi”.

 

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome