Donna morta dopo la liposuzione, un’infezione la possibile causa

La vittima, Ama Maria Cracium, era partita dalla Romania per effettuare l'intervento (gambe e addome) in una clinica privata del centro di Milano consigliatale da un'amica. Era il 5 luglio dello scorso anno e da allora la situazione si è fatta sempre più tragica

0
Liposuzione
Liposuzione

Emergono nuovi dettagli sulla vicenda della donna di 36 anni morta ieri a Orzinuovi dopo un intervento di liposuzione e un’agonia durata nove mesi.

La vittima, Ama Maria Cracium, era partita dalla Romania per effettuare l’intervento (gambe e addome) in una clinica privata del centro di Milano consigliatale da un’amica. Era il 5 luglio dello scorso anno e da allora la situazione si è fatta sempre più tragica.

La 36enne si era sentita male già poche ore dopo l’intervento, accusando febbre alta, tachicardia e perdita dei sensi. Tornata in patria, quindi, era stata ricoverata e aveva subito una serie di operazioni. Poi aveva deciso di affidarsi alle cure dei medici della Poliambulanza, che le avevano diagnosticato una grave infezione: una fascite necrotizzante. Ma le cure non sono bastate e il male ha portato alla morte, avvenuta mercoledì all’Hospice dell’ospedale Tribandi di Orzinuovi dopo una settimana di agonia.

Il sospetto è che la morte sia stata provocata proprio dall’intervento (una sepsi provocata dagli esiti della liposuzione) e su questa ipotesi – in seguito alla denuncia del marito – sta indagando la magistratura. Per disposizione del magistrato, la salma è stata composta nella sala mortuaria dell’ospedale Civile di Brescia, in attesa dell’autopsia.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome