Bombardamenti in Siria, presidio di protesta davanti alla base di Ghedi

L'improvviso bombardamento della Siria da parte di Usa, Francia e Gran Bretagna ha suscitato reazioni anche in terra bresciana. Il gruppo Donne e uomini contro le guerre ha indetto per oggi un presidio di protesta davanti all'aerobase militare

0
Bombardamento in Siria
Bombardamento in Siria

L’improvviso bombardamento della da parte di Usa, Francia e Gran Bretagna ha suscitato reazioni anche in terra bresciana. “Dopo i violenti bombardamenti di questa notte contro le popolazioni siriane, che hanno aggiunto morti ai morti”, infatti, il gruppo Donne e uomini contro le guerre ha indetto per oggi  – dalle 14.30 – un presidio di protesta davanti all’aerobase di Ghedi.

L’intento degli organizzatori, si legge in una nota, è protestare “contro la la furia distruttrice delle potenze imperialiste e contro la complicità del governo italiano nei massacri di questa notte”, dato che “i bombardieri americani sono infatti decollati da Sigonella e da Aviano per le loro missioni omicide, con il permesso del governo italiano”.

Il premier uscente Gentiloni, va però precisato a onor di cronaca, ha dichiarato che l’Italia non participerà ai bombardamenti e smentito la notizia che l’attacco sia partito da basi italiane. “”Francia, Gran Bretagna e Stati Uniti sono Paesi alleati, ma abbiamo insistito e chiarito che il supporto logistico che forniamo soprattutto agli Usa, in questo caso particolare, non poteva in alcun modo tradursi nel fatto che dal territorio italiano partissero azioni direttamente mirate a colpire la Siria”, ha dichiarato Gentiloni.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome