Va dal parrucchiere e fa un ritocchino da 600 euro: poi scappa con una scusa…

Una donna si è sottoposta a un lungo (e costosissimo) intervento per l'applicazione di extension. Ma prima di pagare si è dileguata con la scusa di raggiungere il marito. E il conto da 600 euro non è mai stato saldato

0
Extension capelli, foto generica dal web
Extension capelli, foto generica dal web

Vicenda rocambolesca quella accaduta lo scorso fine settimana in un noto negozio di parrucchieri di Rezzato, Comune dell’Hinterland cittadino. Una donna, infatti – secondo quanto riportato da today – si è sottoposta a un lungo (e costosissimo) intervento per l’applicazione di extension. Ma prima di pagare si è dileguata con la scusa di raggiungere il marito. E il conto da 600 euro non è mai stato saldato.

PRIMA LE EXTENSION, POI LA FUGA

Stando alla prima ricostruzione, venerdì pomeriggio, in un salone del centro storico si è presentata una cliente – dall’aspetto curato, con vestiti firmati e modi di fare molto garbati – che ha chiesto farsi applicare parecchie ciocche di extension. Un’operazione durata diverse ore. Ma, prima che le venisse presentato il conto, la donna avrebbe lasciato il negozio con una scusa, affermando di dover fare una commissione e che – dopo pochi minuti – sarebbe arrivato il marito a farsi una piega e saldare il conto.

Per rendere più credibile la sua affermazione, la donna avrebbe anche lasciato una borsa con un giaccone di marca all’interno del locale. Per poi uscire e avvicinarsi a un’auto che stava parcheggiando, scambiando una breve conversazione con il guidatore. Infine si è allontanata a piedi.

IL CONTATTO CON L’UOMO IN AUTO

Parlava con il marito? Pare proprio di no. L’uomo, infatti, ha preso la direzione opposta a quella del negozio e quando i commessi sono usciti per chiedergli spiegazioni ha raccontato di non conoscere in alcun modo la donna, aggiungendo che questa gli si era avvicinata soltanto per chiedergli un passaggio. Della pettinatissima donna e dei soldi, pare, non è rimasta traccia. Tranne il cappotto, ovviamente.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome