Cremona chiude in una notte tutti i centri massaggi cinesi

Il blitz contro i centri, in cui pare si praticasse la prostituzione, è scattato venerdì sera e ha coinvolto una 50ina di poliziotti con diversi agenti della Polizia locale e tecnici dell'Ats

0
Massaggi cinesi a Brescia
Massaggi cinesi a Brescia

La decisione è di quelle che potrebbero fare scuola. La Questura di Cremona, infatti, ha deciso di chiudere tutti e nove i centri massaggi a gestione cinese della città, considerandoli luoghi in cui si esercitava l’attività di . Il blitz è scattato venerdì sera, e ha coinvolto una 50ina di poliziotti con diversi agenti della Polizia locale e tecnici dell’Ats. Durante i controlli gli agenti avrebbero trovato numerose violazioni in tema di sicurezza e di igiene.

Sul fronte tecnico, la decisione è stata quella di concentrare l’attenzione sui locali prima ancora che sui titolari per evitare la rapidissima cessione di licenze tra connazionali che rendono impossibile il sequestro degli spazi e ne permettono dunque la continuazione dell’attività anche dopo le chiusure.

Ma si tratta di una scelta che fa discurtere. Nella città di Brescia i centri massaggi operanti sono almeno una ventina, e alcuni operano in condizioni non diverse dalle attività chiuse a Cremona. Ma la questura di Brescia ha sempre deciso – nel rispetto scrupoloso della legge – di mantere un atteggiamento differente, concentrandosi sulle eventuali responsabilità penali e civili dei titolari.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome