Beppe Grillo si schiera con Limone del Garda: l’acquedotto rimanga comunale

Beppe Grillo scende in campo nello scontro in atto da mesi nelle istituzioni bresciane sulla questione del controllo pubblico della rete idrica. In attesa del contestato referendum provinciale, il leader del Movimento 5 Stelle ha pubblicato sul suo blog un articolo per schierarsi apertamente con il sindaco Franceschino Risatti

0
La battaglia sull'acqua pubblica di Beppe Grillo
La battaglia sull'acqua pubblica di Beppe Grillo

scende in campo nello scontro in atto da mesi nelle istituzioni bresciane sulla questione del controllo pubblico della rete idrica. In attesa del contestato provinciale, che costerà alle casse dei bresciani oltre un milione di euro, infatti, il comico – e leader del Movimento 5 Stelle – ha pubblicato sul suo blog un articolo per schierarsi apertamente con il sindaco di Limone Franceschino Risatti.

Risatti da tempo ha avviato una battaglia, anche legale, contro la norma che gli impone il divieto di gestire in autonomia il proprio acquedotto ad , la nuova società a capitale misto istituita per occuparsi della rete delle acque nella leonessa. Una guerra a colpi di sentenze (quella decisiva potrebbe arrivare la prossima settimana in Cassazione), ma anche di prese di posizione pubbliche e di petizioni on line (quella su Change.org ha superato le 4mila adesioni).

Grillo, citando il sindaco, sottolinea sul blog che “la gestione comunale autonoma, il cd pubblico puro, si è dimostrata quindi ampiamente più efficiente di quella di (che gestiva in precedenza il servizio idrico) sotto ogni aspetto: tempi di intervento; modalità di captazione della risorsa idrica; modalità di fatturazione, investimenti e costi di gestione”.

Quindi lancia un appello ai suoi sostenitori: “Uniamoci tutti più che mai. L’esempio di Limone sul Garda può essere il cavallo di Troia per tutti i Comuni che vogliono tornare ad esercitare il proprio diritto”.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome