Pakistana morta, Vilardi: via gli estremisti da Brescia

Paola Vilardi, candidata sindaco del centrodestra a Brescia, ha commentato così la vicenda della 25enne pakistana uccisa in patria perché si rifiutava di sposare l'uomo deciso dalla famiglia, dichiarando ai genitori di essere innamorato di un italiano

2
Sana Cheema, fonte Instagram
Sana Cheema, fonte Instagram
“La morte di Sana ha sconvolto tutta la città. Non possiamo più permettere da un lato il femminismo di facciata che tace su questi eventi e dall’altro una politica che accoglie una frangia estremista dell’Islam. Nella Brescia che ho in testa non ci sarà più alcuno spazio per chi considera la donna inferiore all’uomo. Fa paura pensare che chi ha commesso questa barbarie avesse ottenuto la cittadinanza italiana. Chi vuole integrarsi e condividere i valori fondamentali della nostra cultura è il benvenuto, gli altri devono sapere che Brescia non è e non sarà la loro casa”.
Lo ha detto Paola Vilardi, candidata sindaco del centrodestra a Brescia, commentando così la vicenda di Sana Cheema, la 25enne pakistana, che sarebbe stata uccisa in patria perché si rifiutava di sposare l’uomo deciso dalla famiglia, dichiarando ai genitori di essere innamorata di un italiano. Una storia tristemente simile a quella di Hina Saleem, sgozzata nel 2009 per il suo stile di vita “troppo occidentale”.

Comments

comments

2 Commenti

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome