Regione, dietro front di Giorgio Gori: si dimette per restare sindaco di Bergamo

Il candidato presidente del centrosinistra, infatti, ha deciso di lasciare l'incarico per continuare a fare il sindaco di Bergamo. Una mossa che ricorda il clamoroso dietro front di Umberto Ambrosoli

0
Giorgio Gori
Giorgio Gori

La terza seduta consiliare della undicesima legislatura è stata aperta, questa mattina, dal Presidente Alessandro Fermi con un ricordo di Guido Bombarda, scomparso venerdì scorso.

Ma a tener banco sono state le dimissioni ufficiali di Giorgio Gori da consigliere regionale. Il candidato presidente del centrosinistra (sconfitto da ), infatti, ha deciso di lasciare l’incarico per continuare a fare il sindaco di Bergamo. Una mossa che ricorda il clamoroso dietro front di Umberto Ambrosoli nella precedente tornata e che ha già fatto storcere il naso a molti dei suoi elettori in Regione.

A termini di regolamento, le dimissioni per incompatibilità di incarico decorrono dal giorno seguente a quello in cui sono state rassegnate, cosa che Gori ha fatto con una lettera datata 16 aprile. A Gori subentra Michele Andrea Alfredo Usuelli, eletto nella lista “Più Europa”. Michele  Usuelli, ha 43 anni, è medico, neonatologo e pediatra, ed è stato fortemente impegnato nel volontariato internazionale.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome