Caso Sana, in attesa dell’autopsia si cercano risposte dal fidanzato italiano

Continua a far discutere la misteriosa morte di Sana Cheema, la pakistana 25enne - residente da anni a Brescia - scomparsa in circostanze misteriose nella sua terra natale. Il sospetto è che la giovane sia stata uccisa

0
Sana Cheema, fonte Instagram
Sana Cheema, fonte Instagram

Continua a far discutere la misteriosa morte di Sana Cheema, la pakistana 25enne – residente da anni a Brescia – scomparsa in circostanze misteriose nella sua terra natale. Il sospetto è che la giovane sia stata uccisa – padre, fratello maggiore e zio sono stati fermati per questo – a causa del suo rifiuto di accettare il matrimonio combinato dalla famiglia. Circostanza negata dal padre e da alcuni amici, ma affermata con altrettanta convinzione da altri.

Le autorità pakistane, come noto, hanno già disposto l’autopsia sul corpo della giovane. In attesa delle risposte, le autorità italiane – che hanno aperto un’inchiesta – stanno cercando di trovare risposte dall’amico “italiano” della giovane: R.K, connazionale anche lui residente da anni in Italia.

Resta da capire, infatti, se il ragazzo fosse a conoscenza di eventuali situazioni di tensione fra la 25enne e la famiglia. Gli agenti della Mobile della Questura sono già al lavoro sui cellulari e sui tabulati telefonici per capire se, nei giorni precedenti, ci fosse qualche avvisaglia di quanto accaduto il 18 aprile.

Rimane poi da chiarire la posizione del padre che, secondo alcuni testimoni sentiti dal quotidiano Il Giorno, due settimane prima dei fatti si sarebbe recato negli uffici della Innse Cilindri (azienda per cui lavora da 15 anni) annunciando una improvvisa partenza per il Pakistan per “risolvere un grave problema di famiglia”.

Per quanto riguarda le cause della morte, secondo quanto riferito dai familiari, il motivo ufficiale sarebbe “ulcera cronica e ipotensione” e le condizioni di salute di Sana sarebbero state sottovalutate dai medici italiani. Ma tra le ipotesi investigative c’è anche quella dell’avvelenamento.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome