Tav, Legambiente all’attacco: inaccettabile che non fermi sul Garda

Dario Balotta di Legambiente Basso Sebino attacca le Ferrovie sulla questione dell'Alta velocità: così le località turistiche si raggiungono solo in auto

0
La Tav fa discutere il Bresciano
La Tav fa discutere il Bresciano

“E’ paradossale che un’area turistica in via di continua crescita – come quella del Garda, che sta studiando positivamente a Sirmione, perla bresciana del lago, di imitare Venezia adottando  misure  senza precedenti regolazione degli accessi ai turisti – accetti l’idea di non avere una stazione sulla nuova linea ferroviaria Brescia Verona”. A dirlo è di Legambiente Basso Sebino, che attacca le Ferrovie sulla questione dell’Alta velocità.

“Il Garda, che si trova costretto a difendersi dagli ingressi in massa dei turisti nelle singole località balneari come Peschiera del Garda e Desenzano”, incalza Balotta, “non potrà fare altrettanto per evitare l’accesso dei turisti praticamente solo in  automobile (25 milioni l’anno di presenze). Il Governo e le FS infatti preferiscono far attravesare l’Alta Velocità dai vigneti del , distruggendoli, che fare passare i due nuovi binari da Desenzano e da Perchiera del Garda liberando così le località turistiche del Benaco dall’assedio delle automobili. I turisti stranieri”, conclude l’esponente ambientalista, “sono costretti ad arrivare in automobile congestionando ed inquinando il territorio e rendendolo meno competitivo rispetto alle altre realtà europee”.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome