Cerca di derubare una donna e manda carabiniere in ospedale: arrestato nordafricano

Il 44enne (residente a Calvagese della Riviera) ha avvicinato una donna in località Gavardina e le ha messo le mani al collo nel tentativo di strapparle la collana. La vittima, però, ha reagito difendendosi e si è messa a urlare a squarciagola

2
Carabinieri
Carabinieri

Un immigrato nordafricano di 44 anni è stato arrestato dai con accuse pesanti. L’uomo, infatti, dovrà rispondere di tentato furto, violenza e resistenza a pubblico ufficiale, perché – dopo aver tentato di strappare la catenina a una donna – ha cercato di respingere i che l’avevano bloccato con calci e pugni.

L’episodio è avvenuto nei giorni scorsi, a Nuvolento. Secondo la prima ricostruzione, il 44enne (residente a Calvagese della Riviera) ha avvicinato una donna in località Gavardina e le ha messo le mani al collo nel tentativo di strapparle la collana. La vittima, però, ha reagito difendendosi e si è messa a urlare a squarciagola.

Per questo il malvivente, a tasche vuote, ha deciso di darsi repentinamente alla fuga lungo la vicina pista ciclabile. Mentre i carabinieri, allertati dalla donna, si sono subito messi sulle sue tracce. L’uomo è stato fermato dopo pochi minuti. Ma non senza difficoltà. Nel tentativo di divincolarsi, infatti, il ladro ha provocato un lieve trauma cranico e alcune lesioni alle costole a uno dei due militari.

Alla fine non è riuscito a scampare all’arresto, a cui è seguito il processo per direttissima con la convalida dell’arresto e l’obbligo di dimora disposto dal giudice. Mentre il carabiniere, portato in ospedale per le cure, è stato dimesso con una prognosi di sette giorni.

Nel Bresciano si tratta dell’ennesimo episodio di strappo della catenina ad opera di uno straniero: l’ultima vittima in ordine di tempo è uno studente, derubato da due immigrati mentre si trovava in una delle stazioni della metropolitana cittadina.

 

Comments

comments

2 Commenti

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome