Governo Lega-M5S, c’è anche l’ipotesi Vito Crimi premier

A Brescia, prima di candidarsi in politica e diventare parlamentare, faceva il cancelliere del Tribunale. Ora per Vito Crimi potrebbero aprirsi le porte del palazzo principale della politica italiana, con la nomina presidente del Consiglio del nuovo governo Lega - Movimento 5 Stelle

1
Vito Crimi
Vito Crimi

A Brescia – prima di candidarsi in politica e diventare parlamentare, nel 2013 – faceva il cancelliere del Tribunale. Ora per Vito Crimi potrebbero aprirsi le porte del palazzo principale della politica italiana, con la nomina a presidente del Consiglio del nuovo governo Lega – Movimento 5 Stelle.

L’ipotesi, va precisato, ha oggi poche chance di concretizzarsi, perché il premier sarà verosimilmente una figura terza. Ma il nome di Crimi – secondo quanto riportato da Repubblica – sarebbe finito nella cinquina proposta al Carroccio (che comprende anche Luigi Di Maio, Alfonso Bonafede, Vincenzo Spadafora e Riccardo Fraccaro). Più probabile è invece che per il bresciano si profili un ministero, magari proprio quello della Giustizia. Ma nella leonessa c’è anche qualcun altro che spera: per la Lega, infatti, è circolato il nome di Simona Bordonali come possibile ministro.

Comments

comments

1 COMMENT

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome