Fruttivendoli in centro, Castagna attacca: alimenti sotto le deiezioni dei piccioni

Molti fruttivendoli del centro storico di Brescia non rispettano le regole minime di sicurezza degli alimenti, che sono venduti senza le minime garanzie di sicurezza ed esposti quotidianamente alle deiezioni dei piccioni

0
Frutta e verdura vendute in strada, foto generica
Frutta e verdura vendute in strada, foto generica

Molti fruttivendoli del centro storico di Brescia non rispettano le regole minime di sicurezza degli alimenti, che sono venduti senza le minime garanzie di sicurezza ed esposti quotidianamente alle deiezioni dei piccioni. A lanciare l’accusa, con un comunicato stampa, è , candidato sindaco dell’estrema destra di e di .

“Mi chiedo – attacca –  come alcune attività di frutta e verdura possano avere tutte le autorizzazioni del caso e nessuno intervenga nonostante anche chi non è esperto in materia igienico-sanitaria, possa constatare gravi incongruenze con altri negozi. In alcuni casi non esistono vetrine, né frigoriferi che isolino l’ambiente di vendita dall’esterno, sul marciapiede sono posizionati cavalletti sui quali viene esposta la merce: merce quindi a contatto con agenti esterni ed inquinamento. Alimenti che non sono protetti dalle deiezioni dei volatili nemmeno con una tenda – conclude Castagna – con la pericolosità che ne consegue per chi li consumerà”.

Parole forti, che si concludono affermando che “mancano tutte le accortezze che invece in negozi di proprietà italiana devono essere rigorosamente rispettate”.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome