Home Notizie Avvitatore elettrico, guida all’acquisto

Avvitatore elettrico, guida all’acquisto

Gli avvitatori sono ideali sia per i lavoretti fai-da-te, come il montaggio o la riparazione di un mobile, sia per i lavori più impegnatici come la costruzione di un recinto o di un capanno in giardino

0

Avvitatore elettrico

Gli avvitatori sono sicuramente uno degli attrezzi più importanti, per chi si dedica ai lavori hobbistici all’interno della propria abitazione. Un avvitatore elettrico o un avvitatore a percussione, sono dei componenti chiave per le cassette per gli attrezzi.

Gli avvitatori sono ideali sia per i lavoretti fai-da-te, come il montaggio o la riparazione di un mobile, sia per i lavori più impegnatici come la costruzione di un recinto o di un capanno in giardino.

Conoscere quali sono le opzioni a propria disposizione, è importante se si vuole acquistare l’avvitatore migliore in commercio. La vendita di avvitatori Makita online è sicuramente un’ottima soluzione, per avere nella propria cassetta degli attrezzi un elettroutensile di ottima qualità. I prodotti Makita, in Italia Syrio S.r.l. è una delle aziende con la maggior competenza sui prodotti di questa azienda giapponese, sono da ritenersi sicuramente indispensabili per chi si vuole approcciare in maniera professionale al mondo del fai-da-te.

Cosa considerare prima di iniziare?

Il primo punto da prendere in considerazione, è sicuramente l’elemento in cui vanno avvitate le viti. Legno, cartongesso o cemento sono materiali dalla resistenza molto differente. Per non sbagliare, è sempre bene assicurarsi di acquistare un avvitatore che sia ideale per più utilizzi. In questo modo, non ci si troverà mai impreparati.

Inoltre, è bene considerare il tempo di durata del suo utilizzo. Maggiore è il tempo che si lavorerà con l’avvitatore, maggiore dovrebbe essere il senso di comodità che l’avvitatore offre al suo utilizzatore. Se si lavora con uno strumento scomodo, nel lungo periodo ci si affaticherà molto e non si lavorarà bene.

Tipologia di avvitatore

Gli avvitatori in commercio sono suddivisi principalmente in due grosse categorie, che naturalmente permettono in entrambi i casi di avvitare viti di ogni dimensione. Si dovrà decidere se scegliere un cacciavite che permette solo l’avvitatura delle viti – come i normali cacciaviti elettrici o gli avvitatori ad impulsi – o prendere uno strumento che permette anche di fare altre cose oltre ad avvitare le viti. I trapani multi funzione ad esempio, offrono anche la possibilità di avvitare le viti.

Cacciaviti elettrici

Sono i modelli più leggeri e piccoli in commercio. Ideali per lavori leggeri come appendere mensole o montare mobili componibili. Il loro punto di forza è la compattezza, la facilità di utilizzo e il minor peso.

Avvitatore ad impulsi

Per chi ha bisogno di una maggiore forza, gli avvitatori ad impulsi sono da considerarsi la scelta ideale. Costruire uno steccato o un capanno per gli attrezzi, richiede strumenti più resistenti a periodi di attività prolungati e in grado di avvitare viti anche in materiali più duri. Gli avvitatori ad impulsi, applicano una forza (percussiva) in aggiunta alla rotazione. Il loro funzionamento è simile a quello di un trapano a percussione, che aiuta ad avvitare le viti anche nei materiali più densi. I suoi punti di forza, sono una maggiore potenza e la possibilità di essere utilizzati per più tempo.

Tipologia di alimentazione

Gli avvitatori elettrici sono tutti alimentati a corrente elettrica, ma normalmente sono disponibili sia in modalità senza filo o con filo. La differenza di questo piccolo particolare, spesso può influire sul risultato finale che l’avvitatore è in grado di offrire.

Avvitatore a batteria

Gli avvitatori a batteria consentono di spostarsi più facilmente, oltre a raggiungere ogni zona di lavoro senza grossi problemi. Sono molto utili se si lavora in spazi ristretti o su scale.

La forza della batteria degli avvitatori elettrici è misurata in volt (V). Quando si ha la necessità di acquistare un avvitatore di buona potenza, è bene orientare la propria scelta verso modelli con un maggior voltaggio.

Oltre ad avere un buon voltaggio, è consigliabile acquistare avvitatori dotati di batterie agli ioni di litio. Le batterie con questa tecnologia, sono più potenti, leggere e rappresentano una scelta ecocompatibile. Anche se non vengono utilizzare per diversi giorni, sono in grado di mantenere la carica per un periodo maggiore.

Avvitatore a cavo

Gli avvitatori elettrici a cavo si collegano direttamente all’impianto elettrico, ed assicurano una costante fornitura di energia per tutto il tempo necessario. La mancanza di una batteria all’interno dell’avvitatore, permette di utilizzare lo spazio a disposizione per un motore di dimensioni maggiori. Di norma, i modelli con l’alimentazione a filo hanno una potenza maggiore di quelli a batteria.

Quando si utilizza un avvitatore a filo, è bene verificare dove si trova il filo e che non esistano situazioni che possono mettere a rischio chi lo sta utilizzando. Durante le fasi di lavoro, è sempre possibile inciampare nel filo o dover spostare il filo in una presa più vicina alla zona dove si lavora.

Prendendo in considerazione queste caratteristiche degli avvitatori elettrici, si potrà essere sicuri di acquistare il modello migliore in base alle proprie esigenze. Se non si prendono in considerazione questi fattori, si rischia di fare un acquisto errato e non idoneo al lavoro che si dovrà svolgere.

 

Comments

comments

Nessun commento