Brescia, anziani schiacciati dai debiti rischiano di finire in strada: salvi in extremis

La coppia, costretta a lavorare per pagare i debiti pur avendo superato i 70 anni, rischiava di finire improvvisamente per strada: il giudice, dietro richiesta del legale di fiducia, ha concesso loro di avviare la procedura per la cancellazione del debito

0
Elio Gallibariggio di 71 anni e la moglie Elisabetta Roberta Galtarossa 72 anni, foto da ufficio stampa Pagano
Elio Gallibariggio di 71 anni e la moglie Elisabetta Roberta Galtarossa 72 anni, foto da ufficio stampa Pagano

La loro è stata salvata appena in tempo: una settimana prima che l’asta la aggiudicasse ad altri. E tutti i debiti saranno cancellati. E’ questo il felice epilogo della vicenda giudiziaria che ha per protagonisti due anziani, originari di Milano, ma da qualche tempo residenti nella città di Brescia per motivi di salute.

La coppia – Elio Gallibariggio di 71 anni e la moglie Elisabetta Roberta Galtarossa 72 anni – aveva infatti accumulato debiti per 300mila euro con l’ e per 140mila nei confronti di un istituto di credito, accollandosi gli impegni economici contratti da alcuni famigliari vittime della crisi e – su richiesta della banca – mettendo a garanzia degli stessi anche la propria abitazione.

Di fronte ai mancati pagamenti, la banca ha però deciso di avviare la procedura di pignoramento e l’asta è stata fissata per il 24 maggio. La coppia si è quindi rivolta all’avvocato (fondatore e titolare dello Studio legale Pagano & Partners di Brescia e Fondatrice dell’Associazione Favor Debitoris), che si è opposta all’asta sulla base della legge 3/2012 sul sovraindebitamento, la cosiddetta legge “salva suicidi”.

I due anziani, infatti – siccome la magra pensione che percepiscono non è sufficiente – sono tuttora costretti a lavorare come operai in un’azienda milanese per far fronte agli impegni economici presi. Ma anche in questo modo non sono in grado di pagare l’intero debito. Per questo i giudici hanno deciso si interrompere la procedura esecutiva, con il conseguente sfratto, aprendo quella liquidatoria.

Gli anziani, con i tempi del caso, procederanno ora in autonomia alla vendita della casa a prezzi di mercato, utilizzando il ricavato per pagare parte del debito. La restante parte, che non potrebbero comunque saldare, verrà cancellata al termine della procedura, ottenendo così la completa esdebitazione.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome