Un anno agli arresti per false accusa di violenza: per lo Stato vale 60mila euro

L'accusa aveva chiesto per lui otto anni di carcere, ma una perizia ha dimostrato che la figlia minorenne si era inventata tutto: ora scatta la richiesta di risarcimento per ingiusta detenzione

0
Sesso, abusi e violenze a Brescia
Sesso, abusi e violenze a Brescia, foto generica dal web

Tra i 60mila e gli 80mila euro. E’ questa la cifra che – secondo i parametri fissati dallo Stato – potrebbe valere l’ingiusta detenzione di un 36enne, allenatore di calcio a Gavardo, che nell’ottobre del 2017 era stato arrestato con un’accusa davvero infamante.

Il giovane, infatti, era accusato di e maltrattamento nei confronti della figlia minorenne. Per questo l‘accusa aveva chiesto otto anni di carcere e i giudici avevano ordinato per lui i domiciliari, salvo poi accorgersi – dopo 358 giorni di costrizione – che l’uomo era perfettamente innocente e assolverlo perché “il fatto non sussiste”. La figlia, infatti – come dimostrato dalla perizia psichiatrica – si era inventata tutto mossa dal risentimento per le critiche che lui le faceva quando giocava a calcio.

Nel frattempo, però, l’uomo ha perso il lavoro e la moglie ha dovuto perfino chiedere l’anticipazione del Tfr per far fronte alle spese legali. Ora, dunque, i legali del 36enne sono pronti a presentare richiesta di risarcimento danni allo Stato, come previsto dall’articolo 314 del codice penale. Ma per lo Stato l’ingiusta detenzione vale solo una cifra che va dai 177 ai 235 euro al giorno.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome