Salvini a Brescia riempie la piazza: attacchi a Balotelli, Medtronic e al Pd

Numerosi i temi che il neoministro dell'Interno - affiancato da Fabio Rolfi, Simona Bordonali e da tutto lo stato maggiore della Lega bresciana - ha toccato nel suo intervento

3
Matteo Salvini in piazza Mercato a Brescia, foto da diretta Facebook
Matteo Salvini in piazza Mercato a Brescia, foto da diretta Facebook

Il suo arrivo è stato anticipato dalle polemiche, ma la piazza era piena: sono migliaia, infatti, le persone che questa sera – tra comizio reale e visualizzazioni della diretta Facebook – hanno ascoltato il leader della , approdato in di Brescia (anche se su Facebook si è confuso con Lonato…) per sostenere la campagna elettorale di Paola Vilardi.

Numerosi i temi che il neoministro dell’Interno – affiancato da , e da tutto lo stato maggiore della Lega bresciana – ha toccato nel suo intervento, dagli immigrati all’Islam, passando per le tasse, la burocrazia e la famiglia (nel senso “tradizionale”).

Ma non sono mancati gli elementi bresciani, come il riferimento a . “Son qui da una settimana e stato attaccato da tutti”, ha detto Salvini, “oltretutto da persone di un certo spessore… ”: affermazione – che riprende la polemica dei giorni scorsi con SuperMario – a cui è seguita la risata della piazza.

Ma anche per il gruppo Medtronic, che ha annunciato l’intenzione di lasciare Brescia, Salvini ha avuto parole di fuoco: “Ho letto dell’ennesimo caso di multinazionale che arriva in Italia, a Brescia, prende i soldi e scappa: questo non deve più essere possibile”, ha detto perentoriamente il vicepremier, rivolgendosi alla piazza.

Infine l’appello al voto per Brescia: “Il primo Comune da cui mi aspetto buone notizie a queste elezioni è Brescia: mi attendo una ventata di novità, non fate scherzi. Abbiamo battuto il Pd ovunque, non potete tenervi l’unico sindaco del Pd proprio qui: vi chiedo”, ha concluso, “di votare Lega e Paola sindaco”.

Comments

comments

3 Commenti

  1. Spero che ci sia un Magistrato che attivi un procedimento avviso di Garanzia al Ministro Matteo Salvini, per aver violato come Ministro degli Interni di fare campagna elettorale.. E’ tenuto ad essere garante di tutti.!! Ma che succede…!?!

    • Ah, perchè secondo lei i ministri del PD, a partire dal premier Gentiloni, non hanno fatto campagna elettorale nell’ultima tornata alle politiche anche se sono stati poi massacrati dal voto popolare. E poi non esiste un reato e quindi niente avviso di garanzia. E soprattutto lasci perdere visto che lei, Vassalini, era anche un attivista convinto proprio della Lega qualche annetto fa.

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome