Consulenze alle imprese, Sei Consulting entra nel circuito Ernst & Young

L'operazione che porta i 50 collaboratori della società di via Vantini - fondata nel 2004 - nel recinto della importante società internazionale

0
Alberto Mazzoleni e Ivan Losio di Sei Consulting
Alberto Mazzoleni e Ivan Losio di Sei Consulting

È stata formalizzata, e già attiva sul mercato, l’integrazione in Ernst & Young di e Sfida 4.0, le società di consulenza manageriale e strategica di Brescia guidate dal Dottor e dal Professor Alberto Mazzoleni. Un’operazione che porta i 50 collaboratori della società di – fondata nel 2004 – nel recinto della importante società internazionale di consulenza alle .

“L’incontro tra le due realtà – si legge in una nota – consente di creare sinergia tra due business complementari come quello dei servizi di revisione e consulenza e quello dell’organizzazione strategica tecnologica e digitale per le imprese”. Questa operazione permette infatti a Sei Consulting e Sfida 4.0 di integrare i servizi con ulteriori competenze che derivano da un network di oltre 5.000 professionisti in Italia e 250.000 consulenti nel mondo.

I COMMENTI DI LOSIO E MAZZOLENI

Ivan Losio fa sapere che “il nostro mercato di riferimento vuole sempre di più rapportarsi con consulenti ed esperti in grado di fornire servizi a 360 gradi e capaci di supportare ed agevolare il processo di innovazione strategica ed internazionale. EY è il più importante e performante network di consulenza ed è il partner ideale per il nostro mercato di riferimento”.

Alberto Mazzoleni aggiunge che “Siamo onorati di entrare a far parte del network di EY e l’intera organizzazione di Sei Consulting si è approcciata a questa operazione con grande entusiasmo, certa che le sinergie che emergeranno consentiranno di offrire ai clienti una gamma di servizi notevolmente ampliata e skill verticali sulle filiere strategiche”.

Massimo delli Paoli, Partner EY, “’L’accordo con Sei Consulting e Sfida 4.0 concorre ad assicurare a EY una copertura capillare sul territorio locale, contribuendo a creare valore e distintività al posizionamento delle aziende della Lombardia orientale sui mercati nazionali e internazionali. Pensiamo cosi di rispondere in modo concreto alle esigenze di innovazione che le nostre imprese stanno sempre più manifestando”.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome