Decreto dignità, Massetti: si introducono rigidità e costi per le imprese

Il mondo del lavoro è profondamente cambiato e l’occupazione non si crea per decreto dice Massetti

0
Eugenio Massetti
Eugenio Massetti

Più rigidità, aumento dei costi e con il risultato di avere meno lavoro. Le nuove regole del Decreto “dignità” che scardinano in parte il Jobs Act non piacciono alle imprese.

Per il presidente di Confartigianato Imprese Brescia e Lombardia Orientale Eugenio Massetti: “Le misure sui contratti a termine contenute nel Decreto dignità confermano i nostri timori: si introducono rigidità e costi per le imprese senza peraltro creare benefici per i lavoratori”.

In attesa di conoscere il testo definitivo del provvedimento, aggiunge il presidente Massetti: “Non è così che si favorisce l’occupazione. Il diritto a un lavoro dignitoso non si difende con nuova burocrazia e nuovi costi a carico delle imprese. La manodopera è una risorsa fondamentale per garantire la competitività delle aziende: per questo, anziché alzare barriere, occorre piuttosto puntare sulla qualificazione dei lavoratori. Il mondo del lavoro è profondamente cambiato e l’occupazione non si crea per decreto: ribadiamo la nostra disponibilità a confrontarci con il Governo e ad approfondire le nostre proposte per creare occupazione stabile e fornire ai giovani le competenze indispensabili per entrare nel mercato del lavoro. A quattro mesi dal voto ci aspettavamo politiche di sviluppo e incentivo al lavoro e non un provvedimento molto ideologico e di poca sostanza”.

Positivo il giudizio sulla stretta per le imprese che delocalizzano. “Si tratta – conclude Massetti – di un segnale importante per difendere il valore della produzione e del lavoro realizzato in Italia”.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome