Piromane? No, vittima dell’ingiustizia: assolto 24enne

Il giovane si era fatto anche una decina di giorni di carcere con l'accusa di aver provocato il più grande incendio di sempre in Valcamonica

0
Fiamme, roghi e incendi nella provincia di Brescia
Un forte incendio (foto da web)

Per la giustizia è assolutamente innocente. Ma lo scorso anno si era fatto anche qualche giorno di carcere. Protagonista della vicenda è un 24enne residente in Valcamonica, che lo scorso aprile era stato accusato di essere colui che aveva appiccato il fuoco in valle provocando un incendio che divorò centinaia di migliaia di ettari di bosco: il più grande rogo di sempre.

LA VICENDA GIUDIZIARIA

Il giovane aveva passato in cella dieci giorni ed era stato scarcerato dal tribunale del riesame per mancanza di gravi indizi di colpevolezza. Il pubblico ministero aveva chiesto una condanna a due anni e otto mesi di carcere. Invece, oggi, per lui è arrivata l’assoluzione con formula piena. Dunque non una generica insufficienza di prove, che lascia adito ai dubbi, ma un’assoluzione per non aver commesso il fatto.

E’ innocente, non un piromane, e la giustizia ha fatto il suo corso. Ma per lui è stato certamente un anno d’inferno.

Comments

comments

Lascia una risposta (la prima volta la redazione deve accettarla)

Per favore lascia il tuo commento
Per favore inserisci qui il tuo nome